venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Tobia Desalvo:
L’alternativa costruttiva
Pubblicato il 29-10-2014


Prepararsi all’obiettivo che tra 100 anni esista ancora una politica socialista e un partito con questo nome non è banale ma è possibile. Il socialismo è un’alternativa all’assetto di potere, in quanto per sua stessa ragione di vita nasce tra gli oppressi per rivolgersi a tutti e dispiegare nel mondo dell’economia e del lavoro ragioni che altrimenti rimangono escluse. E’ per sua stessa ragione fenomeno di cambiamento e, per i riformisti, di innovazione e costruzione e niente affatto di distruzione.

Oggi le priorità politiche dei socialisti sono sintetizzabili nei seguenti punti, che il Governo Renzi per inettitudine,  cialtroneria o legittima scelta politica sta clamorosamente mancando:

–          Governo dell’Europa. Il semestre europeo a Presidenza italiana ha preferito viversi i  summit europei come un suk dove si battono all’asta punti di deficit/pil mentre ha mancato l’obiettivo di ingaggiare una seria e lungimirante battaglia politica per una riforma dei Trattati che ponga la domanda secca sulla quale possiamo alzare la testa e sfidare gli euro-scettici a un referendum continentale: volete voi un Governo europeo, che si occupi di relazionarsi con la Banca centrale, che si occupi di rendere trasparenti i Governi nazionali e di riformare le procedure seguendo agli esempi migliori, le cosiddette best practices?

 

–          Governo dell’economia. Il monetarismo finanziario che nell’ultimo quarantennio ha dispiegato la sua forza impedendo agli Stati di stampare moneta (in Italia data al famoso divorzio di Ciampi e Andreatta) sta soffocando l’Europa, che invece di investire nell’economia reale paga interessi ai creditori. Le due cose sono in effetti compatibili, è sufficiente che il costituendo Governo europeo si occupi di riclassificare i bilanci e salvare il bambino reale dall’affogare nell’acqua sporca delle redditività degli asset finanziari, che in ultima istanza non hanno valore se l’economia reale si blocca. Un compromesso è dunque non solo possibile ma conveniente per entrambe le parti.

 

–          Governo del pianeta. L’Occidente dei reami e degli Imperi ha colonizzato il pianeta, mentre quello democratico se n’è ritirato lasciandone la gestione a regimi corrotti e a bieche logiche di profitto: questo ben lungi dal rendere liberi i popoli li ha resi schiavi e sta fomentando le basi sociali al terrorismo anti-occidentale. Per un socialista internazionalista non è possibile ammettere che esistano sistemi di potere violenti e oppressivi, che tagliano le mani al secolo dei Lumi e sgozzano i giornalisti. Le basi di una società libera ove le persone si autodeterminano sono la stabilità (che si raggiunge con la detenzione legale del monopolio della violenza), che a sua volta consente di stabilire i diritti liberali personali e che infine, all’interno di un condiviso quadro costituzionale, possono condurre alla democrazia. Il tema riguarda tutti: la sfida dei populisti razzisti che vogliono abbattere e affogare i profughi, in una maniera vigliacca e indegna di una grande democrazia moderna, e che blaterano di investimenti “a casa loro” forse ignorando che quelle sono zone di guerra va sconfitta con un serio e determinato impegno alla radice dei problemi: è l’esercito lo strumento che serve a bonificare le zone dove l’oppressione dell’uomo sull’uomo impedisce gli investimenti e la creazione di benessere e sviluppo.

L’agenda è piuttosto chiara e impegnativa e per essere sviluppata richiede di uscire decisamente da un dibattito politico sterile, miope e markettaro. Richiede di avere coraggio e di essere convinti che la storia e la politica non ammettono ignoranza e i secoli giudicheranno i nostri atti al di là delle nostre più o meno belle intenzioni.

I socialisti uscirono dalle loro fabbriche sfidando i moschetti degli sbirri e dei padroni, oggi che sono al Governo e hanno i denti dovrebbero ricordarsi di quando i loro nonni non avevano il pane ma una incrollabile fede e un leonino coraggio nel mettere in gioco la propria vita per la prospettiva del mondo migliore che ci hanno lasciato in dono.

Tobia Desalvo

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento