sabato, 21 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Deliri M5S: il Duce non volle la morte di Matteotti
Pubblicato il 24-11-2014


Matteotti

A Grillo le elezioni regionali sono andate malissimo, ulteriore conferma di una perdita costante di consensi. Nulla di strano, perché il M5S che aveva suscitato tante speranze e aveva raccolto il voto trasversale della protesta – così come prima di lui la Lega e Di Pietro – una volta arrivato in Parlamento è riuscito soltanto a fare le bucce agli scontrini della buvette di Montecitorio o poco di più. Un flop drammatico, clamoroso legato alla qualità, generalmente scarsa del personale politico inviato alle Camere, ma soprattutto all’inesistenza di un progetto politico.

Il dato dei grillini alle regionali è pessimo, forse peggio di quello del PD. Senza farsi incantare dalle percentuali, l’M5S rispetto alle europee ha perso 284 mila voti e si è fermato a 159 mila. Insomma ha perso due terzi secchi di elettorato. In Calabria è andata anche peggio: ha preso 38 mila voti in tutto perdendone 124 mila. Appena un quarto dell’elettorato ha scelto di rivotare 5 Stelle.

Uno sprofondo annunciato cui il vertice del movimento grillino cerca di rispondere distraendo i sostenitori da quanto avvenuto. E per far questo gli va bene perfino rispolverare l’assassinio di Giacomo Matteotti, al di fuori di qualunque logica anche temporale visto che Matteotti venne assassinato il 10 giugno del 1924 ed era nato il 22 maggio del 1885. Perché ricordarlo oggi? Boh.

Intervistato sul Blog di Beppe Grillo, si presta al gioco il giornalista/storico Arrigo Petacco, a cui è sempre piaciuto rivisitare le vicende del fascismo cercando di salvare l’insalvabile del ventennio anche a rischio di addentrarsi su strade non solo sconnesse dal punto di vista storico quanto su quello logico.

Secondo Petacco, il povero Matteotti venne rapito dopo un durissimo discorso alla Camera contro Mussolini per motivi poco chiari e assassinato … per errore. Anzi, addirittura forse ‘contro’ Mussolini, per creargli un problema. Praticamente siamo alla fantastoria, dove si dimentica come è nato il fascismo, con quali mezzi raggiunse il potere e di quale violenza abbia dato prova nella scalata allo Stato. Si dimenticano gli antefatti, la cultura imperante, l’ambiente, le testimonianze e le prove raccolte nei diversi processi. Una banda di assassini prezzolati, che agivano in nome e per conto del dittatore, ne esce con un’imputazione da operetta.

Tra i commenti segnaliamo quello ironico del capogruppo socialista alla Camera. Dice Marco Di Lello: “Che vantaggio avrebbe avuto Ponzio Pilato a far crocifiggere Gesù anziché Barabba visto che l’Impero romano era padrone assoluto della Palestina? E se Cristo invece fosse davvero morto di raffreddore? Nessuno è così scemo da porre la questione in questi termini eppure accade qualcosa di simile sul blog di Grillo dove si spinge Arrigo Petacco a sostenere che Mussolini non era responsabile dell’assassinio di Matteotti perché … era già padrone dell’Italia.

La memoria di Matteotti non ha più bisogno di essere difesa da nessuno, tantomeno da grilli e grillini che nel ’22 avrebbero avuto qualche difficoltà anche a farsi arruolare nelle squadracce fasciste pure se oggi usano il web come Mussolini faceva con il manganello e l’olio di ricino. Forse occuperebbero meglio il loro tempo occupandosi di quello che sta accadendo oggi, come la frana elettorale del Movimento 5 stelle, – conclude l’esponente socialista – piuttosto che di fatti lontani e per loro troppo difficili da capire”.

Carlo Correr

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Che Mussolini fosse padrone dell’Italia è una sciocchezza: era si Presidente del Consiglio ma di un governo di coalizione in cui i ministri fascisti erano minoranza. E fu proprio il delitto Matteotti, con la reazione delle opposizioni e della pubblica opinione prima alla scomparsa del leader socialista e poi al ritrovamento del suo cadavere malamente seppellito a gettare il Duce nello sconforto in un primo tempo e poi a decidere di diventare con la forza e le leggi fascistissime il padrone d’Italia Analogamente è insensato anche solo insinuare che gli assassini agirono contro Mussolini essendo acclarato che invece lo fecero su preciso e diretto impulso del Duce in persona. L’unica cosa che non è molto chiara è se l’intento degli assassini fosse quello di uccidere Matteotti o solo di intimidirlo, alla maniera dei fascisti: a suon di manganellate (ed ovviamente di sottrargli i documenti comprovanti l’avvenuta corruzione del Duce da parte di una multinazionale petrolifera americana per trivellare per quattro soldi il suolo italiano, che il deputato socialista avrebbe dovuto presentare quel giorno alla Camera). Detto questo, vedo molti post e neo comunisti indignarsi per l’affronto al Santo martire. Ebbene il martire tale è, ma non è il loro, che fino al giorno prima lo chiamavano social-traditore, tant’è che lo stesso Matteotti un mese prima di essere ammazzato scrisse sdegnato a Togliatti per rifiutare come una provocazione l’invito che egli gli aveva rivolto di una manifestazione comune per il 1 maggio, ma è il nostro, di socialisti democratici, liberali e riformatori (non riformisti, ma riformatori come diceva l’altro social-traditore Turati)

  2. Vittoria dalle urne: vittoria con le purghe e le minacce! Lascia in pace Matteotti! Beppe finiscila! Cercati un’altra coperta populistica per giustificare la tua vicinanza a casa pound e faccette nere……

  3. Quelli che parlano in quel modo, antistorico, sul sequestro e l’assassinkio di Giacomo Matteotti. non hanno nulla da invidiare, a coloro che l’anno assassinato con una lima. Se vogliono stare in politica in quel modlo possono anche andare a casa, che è sempre tardi.

Lascia un commento