giovedì, 19 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Democrazia libertaria =
internet + laicità
Pubblicato il 18-11-2014


FGS-Emilia RomagnaUna società finalmente libera dall’eccesso burocratico e normativo; una struttura dello Stato e della Regione Emilia-Romagna più semplice, trasparente e partecipata; laicità assoluta, come principio generale e come esigenza propria di una società multiculturale; creazione di posti di lavoro attraverso investimenti pubblici che incentivino l’uso delle nuove tecnologie e favoriscano il rientro di chi aveva delocalizzato, un’ambiente più vivibile e capace di superare l’era del petrolio inquinante.

Sono questi, in sintesi, gli obiettivi per i quali mi sono candidato al Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna e, assieme ai Verdi, al Partito Socialista Italiano, a Scelta Civica, abbiamo dato vita a Emilia-Romagna Civica, una aggregazione che vede unite forze politiche e movimenti che hanno molto in comune, a partire dall’adesione senza tentennamenti ai principi costituzionali di laicità e uguaglianza.
Da tanti anni sono attivo nei movimenti per i diritti civili, in particolare perché vengano riconosciuti uguali diritti a gay, lesbiche, transessuali, trovando sempre vicini in questo impegno i partiti e le aree culturali che hanno dato vita a Emilia-Romagna Civica.
Fine vita, diritto delle donne all’interruzione della gravidanza, legalizzazione delle droghe leggere, matrimonio per le persone omosessuali: è bene che in Consiglio regionale non manchi una presenza laica come la nostra, pungolo per altri partiti e movimenti politici che vedono al loro interno la convivenza tra idee laiche e altre di ispirazione clericale le quali frenano riforme e cambiamenti legislativi che nelle società sono già maturi da tempo.
Le società libere, poco burocratizzate, rispettose delle identità e delle scelte individuali sono anche quelle con i più alti tassi di crescita e di benessere diffuso.
In parte l’Emilia-Romagna già risponde a questi standard, ma deve e può fare di meglio, favorendo uno sviluppo sostenibile che vada nella direzione di riqualificare i territori mettendo in sicurezza i sistemi idrogeologici, portando nuova qualità urbana, investendo nelle reti veloci e nel collegamento tra i numerosi centri di eccellenza attivi in regione.
Inoltre, va favorito il rientro di chi ha delocalizzato le proprie attività e ora, di fronte ai costi trasportistici e alla scarsa specializzazione di altre zone di produzione, stanno valutando se sia opportuno reinsediarsi in Italia.
Mentre la laicità costituisce la strada maestra per la modernizzazione sociale e civile del paese, lo sviluppo delle nuove tecnologie è fondamentale per la sua modernizzazione produttiva. Nei prossimi 10 anni il 90% dei lavori e delle imprese avrà a che fare col digitale, materia di cui mi sono occupato spesso in Consiglio regionale. Si tratta di garantire la diffusione della banda ultralarga e del WIFI libero e gratuito coma già avviene massicciamente nelle democrazie più evolute.
Lenin diceva che il socialismo è il soviet più l’elettricità, io dico che una democrazia libertaria è internet più la laicità dello Stato, ovvero l’assoluta libertà di ognuno di noi dalla nascita al fine vita.

Franco Grillini
Capolista della lista civica laica e socialista
per le elezioni regionali dell’Emilia Romagna

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento