lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il 4 novembre socialista e italiano
Pubblicato il 04-11-2014


È il giorno della vittoria, una giornata che fino a qualche anno fa era di festa. E siccome sono passati cento anni dall’inizio della prima guerra mondiale, non sarà male celebrarne la fine nel suo novantaseiesimo. La guerra fu osteggiata dai socialisti, ma non da tutti. Una componente interventista democratica era presente nel mondo socialista, se non nel gruppo dirigente del Psi. Basti pensare a Gaetano Salvemini, a Leonida Bissolati, allo stesso Pietro Nenni, allora però ancora repubblicano. Questa posizione metteva in luce l’esigenza di contenere gli obiettivi assolutistici degli imperi centrali appoggiando le democrazie della Francia e dell’Inghilterra, mentre l’irredentismo socialista di Cesare Battisti metteva in rilievo il desiderio di indipendenza dall’Austria dei territori trentini.

La posizione non interventista era, a sua volta, interpretata da due tendenze diverse. La prima faceva riferimento alla maggioranza del partito, quella rivoluzionaria, che aveva confinato in minoranza i riformisti dal congresso nazionale di Reggio Emilia del 1912. Il suo leader era Benito Mussolini, che solo pochi mesi dopo l’esplosione del conflitto aveva radicalmente cambiato fronte per abbracciare l’interventismo e per questo venne espulso dal Psi. Dall’altra parte si stagliava la posizione più tenue dei riformisti che avevano sostanzialmente fatto propria l’ambigua esortazione di Costantino Lazzari e cioè “Non aderire, né sabotare”. Tra i riformisti Camillo Prampolini e Filippo Turati, pur non essendo alieni dal considerare legittimo un intervento di difesa del nostro territorio, aborrivano un bagno di sangue come quel che poi si verificò.

A guerra ultimata si contarono in Italia circa 650mila morti, quasi tutti giovani, caduti al fronte in battaglie folli e sanguinose. Le stragi sull’Isonzo lo inondarono di rosso e Gorizia venne maledetta nella famosa canzone. Eppure Turati, dopo Caporetto, aveva parzialmente modificato la sua posizione. O meglio l’aveva rimodulata alla luce di una guerra che era divenuta un’invasione. Con accorato accento difese le ragioni dell’intervento per la difesa della patria. Sembrava che gli austriaci fossero ormai alle porte di Milano. Turati interruppe il discorso di Salandra alla Camera che aveva proclamato “Grappa è la patria” con un “Ciò è per tutti noi, per tutta l’assemblea”. Lassù sul Grappa e sul Piave combattevano anche i ragazzi del 1899 per difendere i nostri territori. E Turati e Treves avevano gia descritto la nuova posizione su La critica sociale del 1 e 15 novembre del 1917: “Quando la patria é oppressa, quando il fiotto invasore minaccia di chiudersi su di essa, le stesse ire contro gli uomini e gli eventi che la ridussero a tale sembrano passare in seconda linea, per lasciare lampeggiare nell’anima soltanto l’atroce dolore per il danno e il lutto e la ferma volontà di combattere, di resistere fino all’estremo”.

Questa posizione venne immediatamente sconfessata dalla direzione del Psi che nel congresso del 1918 processerà a guerra finita il vecchio Turati, mettendolo alle corde per i suoi scivolamenti patriottici. Turati non arretrò d’un millimetro, ricordando le tumultuose assemblee della sua sezione a Milano. Riprendiamo le sue parole: “Quando ai nostri accusatori noi rispondevamo “Allora voi volete gli austriaci e Milano?” era una vera insurrezione che si scatenava: “E quando mai abbiamo detto questo?”. E allora, rimbeccavamo: “Se non li volete li volete cacciare?”. “No, neppure questo”. “Ma infine li volete o non li volete?”. Bisogna pur decidersi o sì o no. Tutte le posizioni sono rispettabili, tranne il nì che non è un’opinione. Tanto che a Milano per metterli alla prova, camuffandomi da estremista, proposi io stesso un ordine del giorno in questo senso: “I proletari non hanno patria e se ne infischiano della dominazione straniera”. Ma fu un tolle generale contro di me. L’hanno votato in dieci ed eravamo in trecento. E ancor di più, domandandomi quale poteva essere la soluzione si rispose: “La passività rassegnata”. Ahimè, io ho paura che non si sarebbero trattenuti gli austriaci al di là del Piave con la semplice passività rassegnata o disciplinata. Per combattere bisogna combattere, per difendersi bisogna non pigliarle. E la passività, disciplinata o no, é esattamente l’opposto dell’attività che occorre in questi casi”. Ricordando le parole del grande Turati oggi celebriamo tutti i nostri morti, con gratitudine, con sincero e solidale apprezzamento, con la consapevolezza che il loro sacrificio ha difeso la nostra patria dall’oppressione straniera. Da socialisti e da italiani.

Angela Merkel Angelino Alfano bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Direttore, questo e’ un grande giorno da ricordare per i Socialisti e per l’Italia…peccato che a ricordarlo oggi siano mokto pochi…ma i valori e la memoria sono di grande valore per il nostro paese.
    Grazie per il tuo bel editoriale su questa storica giornata.

  2. Molto opportunamente il Direttore ha ricordato questa giornata, così piena di significato, e il suo pezzo ci fa anche vedere come i socialisti, pur con le loro divisioni e contraddizioni, siano profondamente parte della storia di questo Paese.

    Paolo B. 04.10.2014

  3. Un articolo stupendo; ora si capisce il senso del SOCIALISMO TRICOLORE. I riformisti socialisti italiani erano all’avanguardia: dissero no alla guerra, e non volevano neppure la rivoluzione violenta, ma di fronte all’invasione straniera vollero difendere la patria in pericolo. Grande Turati, grande la tradizione del socialismo riformista

  4. La guerra, la Grande Guerra è ancora una ferita aperta nella memoria del Paese. Il mio nonno paterno se l’è fatta tutta, suo fratello di 19 anni ci ha lasciato la pelle a causa della spagnola (classe 1900, fu l’ultima mobilitata anche se non andò in linea). Un bagno di sangue spaventoso seguito dall’epidemia di spagnola che aggiunse 40 milioni di morti in tutta Europa. In pratica il suicidio europeo, politico, economico e demografico.
    Fai bene Mauro a ricordare le posizioni dei socialisti. Ma non mettiamole sullo stesso piano per favore. Salvemini e Bissolati non sono affatto da elogiare per aver appoggiato una guerra di aggressione, tale è stata, e del tutto inutile. Come ben aveva intuito Giovanni Giolitti (né socialista, né tantomeno massimalista). Certamente la posizione di Turati e dei riformisti era l’unica possibile dopo il disastro di Caporetto (tra l’altro attribuito sul momento con vergognosa falsificazione ad un inesistente “sciopero militare” tanto per coprire le gravi responsabilità dei generali inetti e ottusi), ma altrettanto corretta fu la contrarietà alla guerra sia dei riformisti che dei massimalisti. I quali però portano a loro volta la grave responsabilità dell’assurdo fenomeno passato sotto il nome di “diciannovismo”, gli assalti ai reduci e persino ai mutilati colpevolizzati per la guerra, che ottenne l’effetto di contrapporre la classe operaia (la maggior parte esentata per sostenere la produzione bellica) e il bracciantato agricolo (tutti richiamati), col risultato di istillare in questi ultimi una istintiva (e giustificata) ostilità verso la sinistra, durata per tutto il novecento, facendone un serbatorio di consenso prima per il fascismo e poi per la DC. Giusta la riconoscenza per chi ha combattuto e ha versato il prezzo del sangue. Altrettanto giusto ricordare gli errori (termine fin troppo tenero) della maggioranza massimalista del partito. Ma altrettanto giusto ricordare che la contrarietà ad entrare in guerra fu una posizione lungimirante e giusta. E giusto comprendere che massimalista fu anche la posizione di quella minoranza (in parlamento e nel paese) che volle portare l’Italia nell’immane conflitto.

  5. Caro Del Bue hai dimenticato di dire che Matteotti era intransigente, non voleva la guerra, pensava ai contadini del Polesine che poi furono mandati al macello mentre chi voleva la guerra era chi sperava di arricchirsi… e si arricchì difatti… e Scalarini era altrettanto intransigente… prevalse la follia e quelli che poi ci avrebbero portati diritti alla seconda guerra mondiale dove perdemmo quello che avevamo avuto dalla prima… una follia…un nonno si fece tutta la guerra sulle dolomiti sua moglie morì di stenti e lasciò orfana la figlia dopo la guerra si risposò… un nonno tornato dall’america non fece in tempo a ripartire e si dovette fare tutta la guerra sul Carso a casa moglie e due figli… il nonno di mia moglie si ritirò dal fronte dopo Caporetto e venne catturato a Longarone da Rommel e fu mandato nei campi di concentramento in Austria… aveva a casa moglie e tre figli… certo quando si mette in moto il tritacarne della guerra si obbliga la gente a diventare eroi per salvare la pelle… ma è tutto un orrore… W Matteotti W Scalarini… abbasso i guerrafondai…

Lascia un commento