martedì, 22 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il signor Però
Pubblicato il 15-11-2014


Ormai siamo alla peronimìa. Una affermazione è generalmente attenuata da una osservazione che finisce per negarla. Cioè noi diciamo una balla perché ci vergogniamo di quel che siamo. Noi non siamo razzisti, però. Però, insomma, quegli extracomunitari proprio non ci piacciono. E sarebbe anche ora che tornassero da dove sono venuti. Noi siamo garantisti, però. Però io quei politici li manderei tutti in galera. Altro che. Anzi, getterei la chiave. Noi siamo liberali, però. Però non possiamo mica accettare uno che sostiene il contrario di quel che pensiamo. È troppo. Soprattutto se è nostro figlio. Noi siamo laici, però. Però, dai permettere un matrimonio tra due dello stesso sesso è troppo. Chi è la mamma e chi è il papà? E poi t’immagini chiamarli a cena da noi coi vicini che commentano? Noi siamo non violenti, però. Però se menano Salvini fanno bene. Con quel che dice è un provocatore. Siamo non violenti ma non possiamo accettare queste posizioni. Siamo non violenti con tutti tranne che con Salvini… Noi siamo per l’equità, però. Però se devo pagare sempre io, no eh. Questo non è accettabile. Paghino gli altri, compresi i miei amici. Siamo per le discariche e per gli inceneritori, però. Pero mica vicino a casa nostra. Magari abbiamo uno zio che è celibe e vive in un casa da solo e un bell’inceneritore gli farebbe anche compagnia, no? Noi siamo per la famiglia, però. Però dai ne abbiamo tutti due o tre. Forse siamo per le famiglie. Insomma peroisti di tutto il mondo unitevi e involuzione trionferà…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento