venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Is: par condicio tra lavoratori autoctoni e migranti
Pubblicato il 24-11-2014


IsfL’Internazionale socialista ha riunito a Catania il Comitato per le migrazioni il 21 e 22 novembre, su invito del Partito Socialista Italiano. Alla riunione, presieduta dal presidente dei deputati socialisti Marco Di Lello e il segretario generale dell’Internazionale socialista, Luis Ayala, hanno partecipato delegati da partiti socialisti e progressisti di Algeria, Angola, Bulgaria, Grecia, Iraq, Italia, Mali, Marocco, Niger, Messico, Russia, Spagna. E’ inoltre intervenuto come ospite il deputato Gennaro Migliore, candidato a presiedere la Commissione d’inchiesta parlamentare sul sistema di ingresso e di identificazione dei migranti.

Il Comitato ha concordato le linee guida che andranno a informare la Carta delle Migrazioni che l’Internazionale socialista pubblicherà nel corso del 2015 per dare una piattaforma comune ai socialisti del Nord e del Sud del mondo.

Pertanto,

– l’Internazionale socialista sottolinea l’importanza che le migrazioni hanno sempre avuto nel costruire società aperte e nel produrre scambi utili all’economia dei paesi coinvolti. E’ inaccettabile che la globalizzazione dei mercati e delle merci non si accompagni a una globalizzazione solidale dei diritti;

– Il migrante è prima di tutto una persona, che ha diritto di vedere riconosciuta la sua dignità in quanto tale: è inaccettabile considerarlo soltanto come un elemento funzionale dell’economia; i migranti devono poter avere accesso all’istruzione e alla sanità, e ai diritti di base essenziali in ogni democrazia;

– Ci devono essere sempre pari condizioni di lavoro tra lavoratori migranti e autoctoni: i migranti non possono venire sfruttati, e parimenti non possono essere utilizzati per una concorrenza sleale nei confronti della manodopera locale;

– Il rispetto tra migranti e popolazione dei paesi di accoglienza deve essere reciproco, si tratta di rispetto verso la diversità, che è un valore assoluto e che va in entrambe le direzioni; in questo quadro, l’integralismo religioso e il nazionalismo sono fattori perversi che danneggiano non solo la pace tra i popoli ma destabilizzano le società dall’interno, e i migranti sono particolarmente esposti ai pericoli provocati da queste ideologie;

– è peraltro evidente che il rispetto per ogni diversità non può essere una limitazione per l’estensione e il rafforzamento dei diritti che consideriamo universali e validi in ogni cultura, in ogni paese e in ogni epoca, a partire dai diritti delle donne e dei minori; e le istituzioni democratiche devono garantire l’autonomia delle libere scelte individuali, che siano religiose o secolari;

– la cooperazione economica e politica tra i paesi di emigrazione, i paesi di transito e i paesi di immigrazione è un fattore essenziale: le migrazioni richiedono una governance comune;

– la libertà è per noi un criterio indiscutibile: se le migrazioni possono e devono essere sottoposte a regole e controlli, il diritto di asilo deve sempre essere considerato un diritto essenziale.

L’Internazionale socialista ha da sempre nella pace e nell’eguaglianza politica, sociale ed economica i suoi fini essenziali: la soluzione delle crisi e delle guerre, lo sviluppo economico e la tutela dell’ambiente sono tutti fattori inscindibili per affrontare i problemi posti dalle migrazioni. Al tempo stesso, sottolineiamo le opportunità create dalle migrazioni, in termini di scambi, mutua conoscenza, apertura delle società e diffusione della conoscenza. Ribadiamo il nostro convincimento che viviamo tutti in un solo mondo.

L’Internazionale esprime apprezzamento per la scelta responsabile del presidente Obama verso i migranti negli Stati Uniti d’America.

Il Comitato riconosce, infine, gli sforzi delle autorità italiane, e in particolare delle autorità locali e dei cittadini siciliani, nel gestire con umanità la crescita dei flussi migratori attraverso il Mediterraneo.Sottolinea il ruolo dei  paesi di transito, quali Marocco e Algeria. Al fine di evitare pericolosi “viaggi della speranza” il controllo dei requisiti potrebbe e dovrebbe essere svolto alla partenza e non nel paese d’arrivo.

Luca Cefisi 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento