martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istat, fiducia delle imprese ancora giù a novembre
Pubblicato il 27-11-2014


Istat-fiducia-imprese-bassaAncora brutte notizie sul fronte economico. Torna a scendere la fiducia delle imprese italiane a novembre. L’indice calcolato dall’Istat è calato a 87,7 da 89,1 di ottobre. In particolare, il clima di fiducia delle imprese migliora nel settore  manifatturiero ed in quello del commercio al dettaglio; peggiora nel settore delle costruzioni e dei servizi di mercato. L’indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere sale a 96,3 da 96,1 di ottobre. I giudizi sugli ordini rimangono stabili (a -25), le attese di produzione migliorano lievemente (da 2 a 3); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da 3 a 2. L’analisi del clima di fiducia per raggruppamenti principali di industrie indica un miglioramento per i beni di consumo (da 95,9 a 96,9) e per i beni strumentali (da 96,0 a 96,6), resta stabile per i beni intermedi (a 97,5).
L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 74,0 da 77,3 di ottobre. Peggiorano le attese sull’occupazione (da -21 a -28 il saldo) e migliorano lievemente i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (da -50 a -49). Nel mese di novembre, l’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi scende a 88,7 da 89,2 di ottobre. Peggiorano i giudizi e le attese sugli ordini (da -16 a -19 e da 1 a -8, i rispettivi saldi) e migliorano, invece, le attese sull’andamento del’economia italiana (da -28 a -17). Nel commercio al dettaglio, l’indice del clima di fiducia sale a 97,6 da 94,2 (in ottobre). La fiducia migliora sia nella grande distribuzione (da 91,8 a 95,0) sia in quella tradizionale (da 97,0 a 101,2).

A fronte dei dati italiani vi è invece un lieve miglioramento del dato europeo sulla fiducia delle imprese nell’Eurozona: in novembre, l’indicatore sul “business climate” calcolato dalla Commissione europea è infatti salito di 0,12 punti a +0,18. In particolare, rilevano i servizi della DG Ecofin, è migliorata la valutazione dei manager sugli ordini, la produzione passata e gli ordini all’esportazione, mentre il miglioramento è meno marcato per quanto riguarda le scorte di prodotti finiti e sono invariate le aspettative sulla produzione futura.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento