sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manuele Franzoso:
La vittoria di Pirro
Pubblicato il 25-11-2014


L’affluenza alle urne, per le elezioni in Emilia-Romagna, si ferma al 37,8% degli aventi diritto al voto. Poco più di un elettore su tre è andato a votare. Alle regionali del 2010 era stato il 68%. Oggi come nel 2010, nonostante due elettori su tre siano rimasti a casa, ha vinto il PD. Il Partito Democratico non perde la Regione rossa per eccellenza anche dopo una campagna elettorale passata decisamente in sordina e con le ombre degli scandali giudiziari riguardanti numerosi consiglieri regionali PD, dai rimborsi gonfiati fino alla vergognosa vicenda HERA a Bologna. Il partito di Renzi ha perso oltre l’8%: centinaia di migliaia di voti rispetto alle europee di appena due mesi fa. La coalizione di centrosinistra, formata da PD, SEL, Centro Democratico e Emilia-Romagna Civica (con l’alleanza tra i socialisti e i Verdi) non ha sfondato la soglia psicologica del 50%, fermandosi al 49,05%. Stefano Bonaccini dunque è il nuovo presidente della Regione Emilia-Romagna e potrà contare su 31 consiglieri (29 del PD e 2 di Sel) al Consiglio Regionale.

La Lega Nord sfonda il muro del 20% e doppia Forza Italia, che resta sotto il 10%, e consente ad un centrodestra in crisi di non essere sorpassato dal Movimento 5 Stelle, il quale ha ottenuto il 13% delle preferenze e 5 consiglieri regionali. La candidata alla Presidenza per l’Altra Emilia-Romagna, Maria Luisa Quintavalla è diventata consigliera grazie al 4% ottenuto.

La scarsa affluenza alle urne e il partito dell’astensione sono però i veri vincitori di questa tornata elettorale. Un messaggio chiaro da parte degli emiliano-romagnoli che interpretano bene la mentalità degli italiani: sfiducia nella politica. Il cattivo esempio offerto da questa classe dirigente si ripercuote indirettamente nel modo di pensare dei cittadini, sempre più succubi e scettici sul futuro del nostro Paese. Renzi sembrava l’alternativa valida per scuotere l’Italia, invece si limita a twittare un patetico “2-0”, affermando la “vittoria” del PD in Emilia-Romagna e Calabria.

Il clima di sospetto e diffidenza verso i politici può sfociare in tumulti e violenza, come la Storia ci insegna. Il rammarico dei socialisti emiliano-romagnoli è di non aver eletto neanche un consigliere in Regione. Forse la strategia di continuare ad allearsi con partiti minori, come del resto è il nostro, non premia e non ha premiato in passato, come alle comunali di questa primavera. Si ha paura di sventolare la nostra bandiera? Di far capire alla gente che esistiamo ancora e siamo vivi? La riflessione in senso al nostro partito è doverosa e sacrosanta, anche per decidere se è meglio o peggio abbandonare la nave di Renzi prima che affondi.

Manuele Franzoso

 

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento