venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Notizie in breve
Pubblicato il 26-11-2014


Giustizia. Di Lello: su prescrizione si usi la testa, no a demagogia sulla rabbia della gente

“Alla già vergognosa vicenda Eternit assistiamo ora alla demagogia di qualche improvvisato giustizialista che vorrebbe processi e giustizia sommari, eliminando ogni tipo di garanzia, che è un diritto sacrosanto di ognuno. Ci opporremo in ogni modo a quanti, per accaparrarsi qualche consenso in più, speculano sulla rabbia della gente.” Lo ha affermato il presidente dei parlamentari socialisti, Marco Di Lello, secondo il quale “occorre accorciare i tempi dei processi, aumentando i carichi di lavoro dei giudici ed evitare ad esempio che con la sostituzione di un giudice si debba rinnovare tutto il procedimento, rendendo le sentenze più lunghe e macchinose. Non si scarichino le inefficienze dello Stato sui cittadini comprimendone le garanzie. Saranno le nostre priorità in Commissione. Da subito”- ha concluso Di Lello.

Zona Franca Urbana per la Bassa Modenese

L’Ufficio di Segreteria della Federazione del PSI di Modena facendo seguito alle ripetute  sollecitazioni presso le istituzioni elettive Regionali circa la ricostruzione nella zona colpita dal terremoto del 2012, fiscalità di vantaggio e Zona Franca Urbana;

Visto l’atto di indirizzo/risoluzione del 27 maggio 2014 a firma di diversi Consiglieri Regionali tra i quali Bonaccini, Serri, Vecchi, Manfredini e votato alla unanimità;

Invita i nuovi Consiglieri Regionali ed in particolare il Presidente Bonaccini a dare rinnovato impulso a quanto approvato nella seduta del 27 maggio ed in particolare a proseguire azione  nei confronti del Governo e Parlamento per il completamento della ricostruzione della zona terremotata, eliminazione in radice di adempimenti burocratici non necessari, certezza nei tempi e nei modi della riscossione dei tributi nazionali e locali, fiscalità di vantaggio e l’istituzione di Zone Franche Urbane.

Mario Cardone
Segretario Federazione PSI Modena

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Andrebbe anche aggiunto che i circa tre milioni di elettori ex-psi moderatamente progressisiti e antigiustizialisti, che votavano Berlusconi, sono passati quasi tutto a sostegno del pd eurosocialista e anticomunista di Renzi

Lascia un commento