domenica, 19 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive il PSI modenese:
Quando le scuse del Pd
a Sabina Fornari?
Pubblicato il 19-11-2014


A proposito del caso Serramazzoni, noi Socialisti modenesi, abbiamo sempre creduto nella Magistratura e nella signora Sabina Fornari eletta democraticamente nel 2012 a Sindaco della cittadina ,ma costretta alle dimissioni per alcune ipotesi di reato. Il GIP dopo un lungo e sistematico lavoro ha archiviato il teorema .Ora veniamo alla politica.

I Socialisti modenesi che appoggiarono la Fornari sia nelle elezioni del 2012,  che  in  quelle anticipate del 2013, ricordano le lunghe discussioni politiche con i Partiti del Centro Sinistra, sulla teoria della discontinuità di SEL, sulle  teorie del PD a proposito delle  frequentazioni della Fornari, si sfiorò l’analisi del DNA politico. Lo abbiamo sempre detto dello strabismo del PD ma nel caso della Fornari si superò il limite  della decenza politica ed umana .

Ci aspettiamo le scuse, innanzitutto dall’allora Segretario Provinciale del PD , Davide Baruffi, per le devastanti esternazioni nei confronti della Fornari. Non sarebbe male che tutte le forze del centro-sinistra si unissero alle scuse visto il risultato elettorale  del 2013 favorevole ad una lista “ né civica né autonoma, ma solo di mezzo PD “.
Sarebbe bello che l’uomo mascherato del PD, concedesse la “ bella “.

Segreteria Provinciale PSI di Modena

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Fece male a dimettersi. Non è pensabile né ammissibile che elevando una accusa il Procuratore della Repubblica abbia il potere un sindaco (e con lui sciogliere il consiglio comunale). Non lo prevede alcuna legge ed è una prassi aberrante.
    Doveva semmai aspettare la sfiducia del consiglio comunale.
    Mi pare che l’attentato al funzionamento degli organi elettivi sia sanzionato dal codice penale.

Lascia un commento