domenica, 24 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Capretto:
Perché Fabrizio Roncone
ce l’ha con noi?
Pubblicato il 13-11-2014


Ho appena finito di leggere l’edizione odierna del Corriere della Sera (mercoledì 11 novembre ndr) e non ho resistito nel segnalarvi l’articolo (si fa per dire) di un certo Fabrizio Roncone (a pagina 3) per cercare di capire insieme a voi quali torti abbiano fatto i socialisti, oggi, a questo signore per essere sbeffeggiati e derisi in questo modo.
Luciano Capretto

Roncone_Fabrizio_Corsera_12112014.png

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Che a Fabrizio Roncone dia fastidio che in Parlamento siedano sette socialisti del Psi è comprensibile. Il suo giornale, tranne qualche rara eccezione, i socialisti non li ha mai sopportati. Quello che stupisce è questo generale accanirsi contro i piccoli partiti, che esistono un po’ ovunque, ma che in Italia devono essere rasi al suolo. D’altronde la filosofia del suo giornale è sempre stata chiara. Forti coi deboli e deboli coi forti. Sempre…

  2. La presenza di formazioni politiche minori, piccole, minuscole, ecc., ecc., significa che c’è ancora democrazia e voglia di far politica-
    Non accettare la presenza di formazioni politiche minori può essere il preludio di una fase non democratica che può portare a posizioni già vissute in un passato che non vogliamo più, e che hanno fatto solo male al nostro Paese.

    • A certe “persone”, per “guadagnarsi la pagnotta” conviene sempre essere sempre forti con i deboli (quelli che loro credono, perchè noi socialisti non lo siamo) e deboli con i forti (quelli di turno).

Lascia un commento