martedì, 22 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Uil, Angeletti si dimette, Barbagallo si candida
Pubblicato il 10-11-2014


BarbagalloAngeletti-UILDurante il Consiglio federale di oggi, la base dell’Unione ha accettato le dimissioni dell’uscente segretario generale, Luigi Angeletti e ha espresso un primo parere su chi possa essere il suo successore. Nell’occasione è stata prima accolta la richiesta del segretario uscente di rimettere il mandato e si è poi discusso su chi potesse essere il successore alla guida della Uil. In questa seconda fase della riunione la maggioranza dei presenti ha manifestato l’appoggio alla candidatura di Carmelo Barbagallo, dallo scorso gennaio segretario generale aggiunto. Il voto ufficiale, però, sarà quello del prossimo Congresso previsto al Palazzo dei Congressi di Roma dal 19 al 21 novembre. Nell’occasione il nuovo Consiglio confederale eletto dall’assise voterà il nuovo leader.

Barbagallo si è già mostrato piuttosto agguerrito: se il governo non fornirà – in tempi brevi – risposte nella legge di Stabilità sul pubblico impiego, sui pensionati e su altre richieste del sindacato, il sindacato dei cittadini è infatti pronto allo sciopero generale .”L’impostazione del governo non è di sinistra, ma porta solo ad abbassare l’asticella degli interventi in tutti i campi” ha commentato Barbagallo.

Nel caso comunque dall’esecutivo dovessero arrivare risposte parziali, su alcuni temi e non su altri, la Uil potrebbe proporre uno sciopero generale “limitato” a quelle categorie rimaste fuori dai provvedimenti dell’esecutivo. Il sindacato intende comunque guardare ad iniziative unitarie.

Da qui la richiesta alla Cgil di non fare fughe in avanti. “Noi siamo stati promotori di tutte le iniziative notarile e continueremo su questa strada perché miti siamo più forti”, dice ancora. “Al momento quindi stiamo lavorando. Mi auguro dunque che gli organismi della Cgil non decidano una data per mettere in campo uno sciopero generale ma che questo si decida insieme” ha concluso il candidato segretario alla guida dell’Unione Italiana del Lavoro.

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento