martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Emma, anche tu…
Pubblicato il 12-01-2015


Dopo Marco Pannella anche Emma Bonino ha confidato di avere un tumore al polmone. Più uniti di così… Eppure anche nell’identità della malattia c’è una stessa ispirazione. Quella di non mollare mai, non solo di fronte al male, ma anche di fronte alle battaglie politiche presenti e future. Emma ha chiesto iscrizioni al Partito radicale, per continuare a vivere. Io da anni sono iscritto anche al Partito radicale. Cominciai con Loris Fortuna e credo di non avere mai interrotto la duplice iscrizione socialista e radicale. La battaglia di Marco e da oggi quella della Bonino è anche una battaglia per la sopravvivenza delle nostre idee. Per questo vogliamo combatterla insieme. Col doppio intento di vincerla sul piano dell’esistenza umana e politica..

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Auguri Emma.
    Io mi iscrissi anche al Partito Radicale nel 1972, durante il congresso radicale di Torino all’Unione Culturale,.
    In quegli anni l’indicazione di voto dei radicali era verso il Psi , mi sembrava doveroso sostenere questo partito al quale ci legavano molte pattaglie comuni.
    Al Partito radicale si iscrisse mia moglie e ne fu candidata al parlamento nel 1983 ma io cessai .Il partito diventava sempre più un dominio di Marco Pannella che io accusavo e accuso di averlo sempre e tuttora voluto dominare, pur non essemdo mai il segretario, tutti i migliori hanno abbandonato il partito , i molti i troppi tranne Emma si sono urtati con Marco, hanno litigato non facendo sviluppare il partito lasciandolo a misura di Marco.
    Auguri Emma disaccordi a parte ,daltronde sono socialista,
    resti per me e per tanti una donna di grande spessore civile, culturale e politico., un bene quanto mai raro di questi tempi.
    Compagno Maurizio Molinari
    Consigliere nazionale off.molinari@libero.it

  2. Con il solito coraggio Emma Bonino ha comunicato alla sua Radio Radicale la notizia della sua malattia.
    E’ un annuncio che ha commosso tutti. E’ implicitamente un Passo indietro sulla Sua candidatura alla Presidenza della Repubblica, sulla quale nelle settimane passate l’Avanti aveva registrato la stragrande maggioranza dei pareri favorevoli dei Socialisti.
    La candidatura della Bonino, oltre che per i molti meriti elencati dal nostro Direttore e dalla Fasano, rappresentava con la Sua storia il curriculum che maggiormente si prestava a rappresentare l’Area laica e liberal socialista. Sarebbe stata inoltre la Prima italiana a essere chiamata a tenere delle lezioni alla Scuola di Alta Specializzazione dell’Amministrazione Pubblica francese.
    Mi spiace che solo ora sul Sito Nazionale del PSI venga lanciata la consultazione on line per una candidatura femminile alla Presidenza della Repubblica. Ed è purtroppo con grande rammarico che debbo ancora esclamare: “ Un’altra occasione persa dal PSI”.
    Carissima Emma, nel comunicare contemporaneamente di volere affrontare quest’altra sfida cruciale per la Tua vita non rinunciando comunque al tuo impegno politico, ti sia di conforto sapere che vicino a Te ci sono, oltre ai Socialisti, tutti coloro per i cui diritti ti sei sempre battuta.
    Nicola Olanda

Lascia un commento