venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Inflazione mai così bassa
ma bollette raddoppiate
Pubblicato il 28-01-2015


Inflazione-bolletteNegli ultimi dieci anni l’inflazione non è stata mai così bassa soprattutto se paragonata agli anni ’70-’80 quando arrivò a sfiorare anche il 20% eppure le bollette per gli italiani sono cresciute del doppio. Senza scuse, insomma perché vuol dire che è mancata la vigilanza dello Stato e che la tanto decantata concorrenza, è rimasta uno specchietto per le allodole, un modo per convincere i cittadini che cedere le attività pubbliche conveniva a tutti.

La denuncia arriva da Federconsumatori che in una nota specifica che dal 2004 al 2014 le tariffe sono aumentate mediamente del 41% a fronte di un’inflazione aumentata del 20,4%. “L’incidenza del costo di tali voci risulta, pertanto, sempre più pesante sulla spesa complessiva delle famiglie” afferma Federconsumatori. E all’orizzonte non si profila niente di buono infatti, secondo l’organizzazione dei consumatori “con l’ultima legge di stabilità nuovi aumenti in vista nonostante un quadro di deflazione”.

La crescita più marcata dal 2004 al 2014 è stata quella delle tariffe dell’acqua (+80,1%), dei rifiuti +70,3%), dell’energia elettrica (+48,4%), dei trasporti ferroviari (+46,2%), del pedaggi autostradali (+46,5%), del gas (+42,9%), dei trasporti urbani (+33,5%).Il maggiore aumento si è registrato in servizi vitali per le famiglie, unico dato in controtendenza, -15,7% nei servizi di telefonia.
Stedssa musica quella suonata da un secondo rapporto, stilato dal Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione della Federconsumatori, che suddivide l’andamento di tali tariffe in due fasi: una precedente alla crisi dal 2002 al 2008, l’altra in piena crisi dal 2008 al 20014. Il risultato è che “nonostante la crisi ed il concomitante calo del potere di acquisto delle famiglie, alcune tariffe (acqua, rifiuti e trasporti) siano aumentate in maniera decisamente più pesante rispetto alla fase pre-crisi”.

Questo, secondo Federconsumatori, denota come la concorrenza in alcuni servizi non ha funzionato o non è mai decollata, la mancata vigilanza, il peso sempre più forte della pressione fiscale e, in alcuni casi, vere e proprie speculazioni hanno portato ad un aumento insostenibile delle tariffe, contribuendo cosi al grave impoverimento delle famiglie a cui abbiamo assistito nel corso degli ultimi anni”.
“Quel che è peggio è che, alla luce dei tagli agli enti locali apportati dalla nuova legge di stabilità, tali tariffe sono destinate a schizzare ulteriormente verso l’alto, in un quadro di deflazione.” dichiara Mauro Zanini, Vice Presidente della Federconsumatori.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento