domenica, 19 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giustizia sociale e fede in Dio
Pubblicato il 07-01-2015


La carità è il cuore della fede cristiana; Gesù riassume in sé il mistero della carità con il dono della sua stessa vita, “quale sete d’amore per l’uomo”. La carità, per i cristiani-cattolici, non è una conseguenza etica dell’essere uomini di fede, ma il modo per manifestarla nella società nelle opere di tutti i giorni.

Carità è un termine derivante dal latino caritas (benevolenza, amore). Nella teologia cristiana è una delle tre virtù teologali, insieme a fede e speranza; si ritiene che essa concorra a realizzare la più alta perfezione dello spirito umano, in quanto rispecchia e glorifica la natura di Dio. Inoltre, la carità, unita alle altre virtù teologali, è lo strumento per il raggiungimento della felicità.

Come recita l’incipit dell’enciclica di Benedetto XVI, “Caritas in Veritate”, la carità “è la principale forza propulsiva per il vero sviluppo di ogni persona e dell’umanità intera. L’amore […] è una forza straordinaria, che spinge le persone a impegnarsi con coraggio e generosità nel campo della giustizia e della pace. È una forza che ha la sua origine in Dio, Amore eterno e Verità assoluta. Ciascuno trova il suo bene aderendo al progetto che Dio ha su di lui, per realizzarlo in pienezza: in tale progetto infatti egli trova la sua verità ed è aderendo a tale verità che egli diventa libero”. Tale progetto Dio l’ha rivelato agli uomini attraverso il sacrificio del Figlio.

Il mistero della carità è stato messo al centro del suo pontificato da Papa Francesco sull’esempio di Francesco d’Assisi, che, come afferma Monsignor Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, nella sua recente ponderosa “Storia della povertà”, una “tradizione consolidata chiama alter Christus, una ‘icona viva del Cristo’”. Assumendo come filo conduttore il modo in cui la Chiesa nel corso dei secoli ha soccorso i poveri in base a quanto prescriveva il Vangelo sulla predilezione di Gesù per i poveri, Monsignor Paglia ricostruisce le molteplici iniziative con cui la Chiesa ha assolto il mandato evangelico nel suo magistero e nella sua azione pastorale; e sottolinea come Papa Francesco, accogliendo l’utopia francescana, persegua non solo il consolidamento con la sua predicazione del messaggio “sbocciato” nel Concilio Vaticano II di “realizzare una Chiesa povera per i poveri”, ma anche il legame che unisce Cristo, la Chiesa e i poveri, nell’assunto che la povertà francescana non implica l’identificarsi con una classe sociale determinata o la contestazione di un particolare sistema sociale, ma solo il modo di seguire l’esempio di Cristo.

Dopo il Concilio – continua Monsignor Paglia – “si è sviluppato un dibattito tra chi sottolineava l’impegno di liberazione delle classi più povere e chi temeva che in tal modo i cristiani perdessero la dimensione più strettamente religiosa della loro identità e quella trascendente della fede”. Per anni le due correnti hanno dato luogo ad un acceso dibattito, nel comune convincimento che il magistero pontificio dovesse essere diretto a difendere il Sud del mondo, sempre più povero, a fronte di un Nord sempre più ricco. Tra gli episcopati più sensibili rispetto a questo magistero e alla necessità di ripensare il rapporto della Chiesa con le masse dei poveri vi era quello latinoamericano, all’interno del quale era impegnato il futuro Papa Jorge Mario Bergoglio che, negli incontri che l’episcopato ha tenuto in diversi Paesi dell’America del Sud, ha assunto il ruolo di protagonista; ruolo che ha avuto modo di affermare in modo definitivo in occasione della V Conferenza episcopale latinoamericana svoltasi ad Aparecida, una cittadina nello Stato di S. Paolo in Brasile. In quell’occasione, Bergoglio, divenuto nel frattempo cardinale, è stato tra i vescovi che hanno ribadito nel documento finale dell’incontro la scelta preferenziale per i poveri da parte della Chiesa e sottolineato, in alternativa alle posizioni radicali e meno spirituali dei “teologi della liberazione”, che la Chiesa “è iscritta nella fede cristologica che ha portato Dio a farsi povero per noi, per arricchirci con la sua povertà” e se l’opzione preferenziale per i poveri “è implicita nella fede cristologica, tutti noi cristiani, in quanto discepoli e missionari, siamo chiamati a contemplare, nei volti sofferenti dei nostri fratelli, il volto di Cristo che ci chiama a servirlo in loro”.

Nel documento di Aparecida, al quale Papa Francesco ispira la sua predicazione, si afferma anche che nel passaggio a un mondo nuovo, il problema della povertà non è solo un problema della Chiesa, ma è anche un problema dei singoli e delle comunità, considerando che le forme con cui si è cercato di risolverlo nel passato non sono più attuali; ciò perché è cambiato il mondo e sono cambiati gli uomini, mentre il Vangelo che vuole una Chiesa dei poveri non è cambiato ed è destinato a non cambiare. Volere una Chiesa povera per i poveri, perciò, secondo Monsignor Paglia, significa legarsi contemporaneamente al Vangelo, fonte della vita cristiana, e al Concilio Vaticano II, interpretazione alta del Vangelo per l’oggi.

Una Chiesa siffatta, che si affida solo alla forza del Vangelo, non può essere com’è solito ripetere il Papa una “ONG pietosa”; ciò perché la Chiesa sente i poveri come parte di se stessa e la decisione di stare con i poveri non è una semplice opzione sociale, o politica, o assistenziale. I poveri sono scelti per il loro valore sacramentale, ossia perché in essi è Cristo stesso ad essere presente ed è attraverso essi che Dio si rivela in noi. Secondo Monsignor Paglia, è vero che Papa Francesco non offre una prospettiva politica per rimuovere la povertà, né vuole averne una da offrire. Ciò perché è convinto che questo mondo vada cambiato, per opera di uomini spirituali, capaci di legare il Vangelo ai segni dei tempi per avviare un movimento di cambiamento; è per via di questo convincimento che Papa Francesco ha scelto di “legarsi” a Francesco d’Assisi. L’assisiate non ha cambiato la storia del suo tempo con la politica o con le armi, ma con la predicazione del Vangelo fra gli esclusi.

Per il cristiano-cattolico, dunque, la giustizia non è quella realizzata attraverso le “regole” adottate dagli uomini, ma quella determinata dalla soggettività di Dio e mediante la carità agisce al di fuori di quelle regole. La carità, intesa nel senso della Chiesa cattolica, eccede il valore della giustizia sociale pensata e realizzata dagli uomini; ma il modo di pensare la carità proprio della Chiesa cattolica è estraneo alla cultura laica moderna. Questa considera la giustizia come conseguenza di un patto solidaristico originario, teso a garantire sicurezza e riscatto dal bisogno per tutti coloro che hanno deciso di vivere insieme.

Nel mondo moderno, per sconfiggere la povertà che di continuo si ripropone procedendo di pari passo con l’evoluzione dei tempi e delle cose, occorre una riforma, sorretta da una rivoluzione culturale alla quale può certamente concorrere la predicazione ed il magistero della Chiesa, del modo di funzionare del sistema economico e delle regole distributive del prodotto sociale vigenti. Il primato in quest’azione riformista spetta alla politica, perché se è vero che la rivoluzione culturale può precedere l’impegno politico, è anche vero che senza un impegno politico radicale è impossibile trasformare qualitativamente la società; è questo il senso del “movimento ecumenico”, cioè di quel movimento che tende a riavvicinare e a riunire tutti i fedeli cristiani delle diverse Chiese, oggi sostenuto, dopo il Concilio Vaticano II, anche dalla Chiesa cattolica. Questo movimento trova il suo punto di convergenza nel “socialismo cristiano”, il cui fine sul piano dell’azione sociale è quello di fare i conti con la questione delle diseguaglianze e con quella delle cause economiche e sociali che le producono.

Poiché dal punto di vista politico, l’ecumenismo è ormai un movimento affermato, sia in ambito cattolico, che in ambito delle Chiese cristiane separate a livello di massa tra i fedeli, è da augurarsi che, accanto alla teologia della carità del cattolicesimo, si affermi anche quella meno esclusiva del movimento ecumenico, perché l’azione dei credenti possa concorrere alla realizzazione di una società giusta, nella quale i credenti stessi possano godere del fatto di trovare nella tutela dei poveri il modo in cui Dio si rivela in loro ed i laici del fatto di sentirsi “uomini di buona volontà” che, in compagnia dei credenti, sono impegnati a realizzare una società libera dai soprusi e dalle ineguaglianze.

Gianfranco Sabattini

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Con questo articolo hai onorato la memoria di Prampolini che come socialista si soffermava sul sagrato delle chiese per invitare i credenti a dare testimonianza anche nella vita di tutti giorni con azioni concrete di solidarietà.
    Hai onorato anche i principi della laicità socialista che si esprimono nel riconoscimento e nel rispetto di ogni fede e pensiero altrui.
    Quando questi valori coincidono con quelli socialisti, un socialista si sente anche cristiano e più vicino alla Chiesa che di quei valori del Vangelo ne fa quotidiano apostolato.
    Nicola Olanda

  2. Politici e media contribuiscono a creare una atmosfera confortevole e sicura ai religiosi (pubblici) – anche ai terroristi in nome del fidesimo – perché promuovono l’idea della fede come verità assoluta. Obbligandoci poi tutti ad un rispetto eccessivo delle religioni.

Lascia un commento