mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istat, tornano a crescere gli occupati
Pubblicato il 30-01-2015


Occupazione-crescitaOltre al ritorno della fiducia dei consumatori e delle imprese, un altro dato incoraggiante rileva che a dicembre a crescere è stato il numero delle persone – soprattutto giovani – che hanno un lavoro, toccando quota 93 mila (+0.4%) mentre la disoccupazione è scesa al 12,9%. Il dato – il migliore dal 2011 – è stato diffuso oggi dall’Istituto nazionale di statistica ed è stato confermato dall’Eurostat secondo cui il calo della disoccupazione in Italia è stato il più sensibile di tutta l’Unione europea.

SCENDE LA DISOCCUPAZIONE E AUMENTANO GLI OCCUPATI – Il dato dell’occupazione diffuso oggi dall’Istat rileva che nel mese di dicembre è cresciuto il numero delle persone che hanno un lavoro, toccando quota 93 mila unità in un mese (+0,4%). L’Istituto di statistica nazionale ha anche evidenziato un rialzo che su base annua arriva a 109 mila occupati (+0,5%).

L’OTTIMISMO DEL GOVERNO – Il capo del governo ha twittato che l’aumento dei posti di lavoro è merito del Jobs Act, varato a fine anno: “Centomila posti di lavoro in più in un mese. Bene. Ma siamo solo all’inizio. Riporteremo l’Italia a crescere”, lanciando l’hashtag #lavoltabuona”.  Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti ha parlato di “bella notizia”, sottolineando che “oggi siamo di fronte ad uno scenario diverso” e confermando la “convinzione che i primi mesi del 2015 potranno segnare una svolta”, tra sgravi, assunzioni e Jobs Act.

EUROSTAT: CALO PIÙ SIGNIFICATIVO IN TUTTA UE – A dicembre in Italia si registra il calo della disoccupazione più sensibile di tutta l’Ue, rileva Eurostat, confermando il tasso (12,9%) diffuso dall’Istat. Ribasso da record anche per quella giovanile, che passa da 43% a 42%. In Europa il record dei disoccupati è della Spagna (23,7% e 51,4% quella giovanile). Infine disoccupazione in calo a 11,4% a dicembre nella zona euro dall’11,5% di novembre, raggiungendo così il livello più basso da agosto.

Siria Garneri 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento