martedì, 22 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istruzione. Italia ultima per numero di laureati
Pubblicato il 30-01-2015


Laureati-pochiNon solo disoccupati, i giovani italiani laureati sono sempre meno. Oggi è stato presentato il “Rapporto Italia 2015” dell’Eurispes, dal quale è emerso In Italia arriva alla laurea appena il 22,4% dei cittadini della fascia di età tra i 30 e i 34 anni, contro una media dell’Unione Europea del 36,5%, non solo ma siamo il fanalino di coda dell’Europa. Inoltre con una differenza abissale tra uomini e donne che riescono a conseguire il titolo universitario o post-universitario (17,7% contro 27,2%). Non è quindi solo il Bel Paese a non credere nei laureati e a lasciarli espatriare, anche i giovani non ci credono più, infatti si iscrivono sempre di meno all’Università e alcuni non conseguono il titolo accademico, già nel 2012/13 gli iscritti ad un corso universitario sono stati 1.709.407, il 2,4% in meno rispetto all’anno precedente. Nello stesso periodo, in 297.0000 si sono laureati, 1.400 in meno (-0,5%) rispetto all’anno precedente.
“La verità – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – è che oggi in Italia non si investe adeguatamente per l’Università. E nemmeno si fa un orientamento adeguato: l’ultima legge, in merito, introdotta dall’ex ministro Maria Chiara Carrozza, è fallita clamorosamente. A rendere ancora più complicata la situazione è stato anche l’inasprimento delle tasse d’iscrizione, richieste dagli atenei agli studenti fuori corso, aumentate di cifre che vanno dal 25% al 100%”.

“Il problema – continua Pacifico – non è poi limitato alla fascia di età 30-34 anni. Ma va esteso a tutti gli italiani adulti: se si considerano tutti i cittadini che rientrano tra i 25 e i 64 anni, solo il 15% ha un livello di istruzione universitario. Meno della metà della media Ocse, dove i laureati in questo spazio anagrafico sono il 32%. E il futuro non promette nulla di buona, perchè nel frattempo, la percentuale di studenti quindicenni che spera di conseguire la laurea è scesa dal 51,1% del 2003 al 40,9% del 2009: assieme ai titoli di studio, ci stanno togliendo anche la speranza”.

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento