giovedì, 19 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Charlie Hebdo, la libertà
è più forte del terrorismo
Pubblicato il 12-01-2015


Charlie-nuovo numeroCresce l’attesa per il prossimo numero del magazine satirico Charlie Hebdo, in edicola mercoledì 14 gennaio. I giornalisti e i vignettisti, dopo il terribile attacco subìto e la tragica scomparsa di 12 colleghi, attualmente lavorano nella sede del quotidiano Libération a Parigi. Le prime novità trapelate riguardano la tiratura della rivista e la sua diffusione in tutto il mondo. Prima dell’attentato compiuto dai fratelli Kouachi, “Charlie Hebdo” era stampato in 60mila copie. Per il prossimo numero la tiratura sarà incrementata fino a raggiungere il numero straordinario di 1 milione di copie.

Uscirà tradotto in 16 lingue e sarà disponibile anche nelle edicole italiane. Il Fatto Quotidiano lo pubblicherà per raccogliere fondi da destinare proprio al settimanale, che nel frattempo ha ricevuto donazioni per una somma pari a 500 mila euro da Google e dal fondo “Stampa e pluralismo” degli editori di stampa francesi.

Charlie-vignette-ParigiLa notizia più importante è quella che riguarda i contenuti del nuovo numero della rivista: stando a quanto dichiarato dal direttore Gerard Biard questo non sarà un “numero necrologio” e nemmeno “dai toni piagnucolosi”.
Molto probabilmente verrà pubblicata una nuova vignetta con protagonista Maometto, un segnale forte, che dimostra l’intenzione dei giornalisti a non arrendersi, restando fedeli alla loro linea editoriale.

A France info il legale del magazine francese Richard Malka ha dichiarato che “JeSuisCharlie” significa “diritto alla blasfemia”.
La satira tagliente di Charlie Hebdo non è morta e dimostra come la libertà è più forte del terrorismo.

Stefano Lanzano

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento