sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

M5S, molti slogan,
ma poca coerenza
Pubblicato il 13-01-2015


Abolirequitalia-M5sQuando si dice che – “la coerenza sta di casa” – sarebbe anche buona cosa precisare in quale casa. Alcuni giorni prima di Natale è partito da Cagliari il Tour del Movimento 5 stelle contro Equitalia. Sul palco la band composta da Roberto Fico, Alessandro Di Battista, Carlo Sibilia, Nicola Bianchi, Manuela Serra, Manuela Corda (queste ultime parlamentari sarde), “ospite” il sindaco grillino di Assemini, unico sindaco grillino in Sardegna, Mario Puddu. Al grido di “Basta con Equitalia! Basta con questo strozzinaggio legalizzato!” hanno raccolto attorno a loro un centinaio di persone (molte donne e ragazzine attirate perlopiù più dalla presenza di Di Battista che dalla questione Equitalia).

Il problema è che la presenza del Sindaco di Assemini al Tour, ha suscitato parecchio sdegno tra i suoi concittadini amministrati in quanto nel corso della campagna elettorale, che lo ha poi promosso a primo cittadino, Puddu si fece largo con la promessa – “aboliremmo la Tasi”. Pochi mesi dopo la notizia balzò anche nello stesso blog di Grillo: “Ad Assemini, comune da noi amministrato, non si paga più la Tasi”.

‘Ma cosa ho combinato? – deve essersi domandato Puddu – Ora come faccio a far quadrare i conti senza le entrate della Tasi’. E così, per non rimangiarsi la parola l’unica soluzione è stata quella di recuperare i mancati introiti con la Tari, la tassa sui rifiuti. Il tutto emerge da una lettera con raccolta firme preparata dai cittadini i quali sottolineano: “Signor Sindaco, ci hai tolto la Tasi, e ci hai dato la mazzata facendoci pagare una super Tari e autorizzando Equitalia alla riscossione del tributo”.

Infatti, dai dati pubblicati anche sul sito del Comune del Cagliaritano emerge che l’aumento della Tari sulle utenze domestiche si attesta da un minimo di 30% fino alla soglia del 45% per le famiglie numerose. Per le attività commerciali l’aumento è dal 50% fino al 300%. L’Amministrazione grillina di Assemini non ha ritenuto opportuno applicare le agevolazioni e le esenzioni come previste dal regolamento comunale. In conclusione, Equitalia tanto contestata dal M5S per questa operazione di riscossione tributi, incasserà 300 mila euro. Mentre il Comune dalla tassa dei rifiuti dovrebbe incassare una somma che si attesta intorno ai 4 milioni di euro.

“Basta Equitalia! Basta con questo strozzinaggio legalizzato!” Così, con questo slogan, urlato anche dal Sindaco Puddu, è partita da Cagliari la campagna nazionale grillina anti-Equitalia.

Antonella Soddu

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento