sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Medioriente, non bastano
le marce a sciogliere i nodi
Pubblicato il 12-01-2015


Assopace-PalestinaOtto giorni, insieme ai soci dell`associazione di volontariato “Assopace Palestina”, intitolata alla memoria di Vittorio Arrigoni (il pacifista italiano ucciso a Gaza nell`aprile 2011), da anni attiva nel promuovere iniziative nonviolente per il superamento del conflitto israelo-palestinese; un viaggio straordinario, ma soprattutto formativo: che permette di capire dal vivo la complessità del drammatico conflitto israelo-palestinese, fuori dell’ottica stereotipata e manichea che prevale il più delle volte nei mass-media.

La prima cosa di cui ci si rende conto, viaggiando in queste terre belle quanto tormentate, è che, nel 1992 – `93, la leadership palestinese, all`epoca rappresentata soprattutto dall`OLP, con Al Fatah componente maggioritaria, commise (leggerezza? Impreparazione?) un grave errore nel firmare degli accordi di Oslo che, pur segnando una svolta storica per il Medio Oriente, non risolvevano nei dettagli questioni fondamentali per il popolo palestinese. Come anzitutto i diritti di circolazione nei Territori occupati, e l`uso dell`acqua, essenziale per l`agricoltura e la vita quotidiana. Tutto, nel `92-`93, veniva rimandato ad accordi dettagliati che, però, non sono stati mai conclusi, per la successiva involuzione della situazione: dall`assassinio, nel `95, di Ytzahak Rabin, il politico israeliano che più s`era impegnato sulla linea “Territori in cambio di pace”, alla seconda Intifada del 2000- 2002 (scatenata dai palestinesi nonostante le obiettive concessioni fatte da Israele a Camp David nell`estate 2000).

A Gerusalemme, parliamo del groviglio mediorientale con Luisa Morgantini, Vicepresidente emerito del Parlamento Europeo (ruolo svolto dal 2007 al 2009, con l`incarico delle politiche europee per l`Africa e i diritti umani), e presidente di Assopace Palestina e con Michele Giorgio, giornalista de il manifesto specialista del Medio Oriente. È dal 1988 che Assopace Palestina organizza viaggi di conoscenza e solidarietà in Israele e nei Territori occupati della Palestina: viaggi coordinati, da diversi anni, appunto da Luisa Morgantini, che in questi giorni ci ha accompagnato in un lungo tour da Gerusalemme a Ramallah, Nablus, Hebron, sino alla Valle del Giordano e al campo profughi di Aida, a Betlemme. “È del 30 dicembre – ricorda Michele Giorgio – la bocciatura, al Consiglio di Sicurezza ONU, di una risoluzione, presentata dalla Giordania per la Palestina (che, come Stato osservatore non membro, non può ancora presentar direttamente proposte agli organi delle Nazioni Unite), che prevedeva il ritiro graduale di Israele dalla Cisgiordania entro il 2017 e la conclusione, entro un anno, di un definitivo accordo di pace. Per soli 2 voti, quelli di Nigeria e Rwanda (intimidite, a quanto sembra, da una telefonata in extremis di Netanyahu, premier israeliano, ai rispettivi Capi di governo), la mozione non è neanche arrivata alla discussione dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza.

Contrattaccando, il presidente palestinese Abu Mazen ha firmato, subito dopo, la domanda d`adesione della Palestina a vari trattati internazionali degli ultimi decenni, tra cui quello di Roma del 1998 sulla Corte Penale Internazionale delle Nazioni Unite: richiesta – commenta ancora Michele Giorgio – che preoccupa alquanto Israele, che un domani potrebbe vedersi chiamato alla sbarra, per iniziativa palestinese, a proposito delle violente repressioni compiute a Gaza nell’ ultimo decennio. Ma anche i palestinesi, ha ribattuto con forza Netanyahu, potrebbero esser chiamati in causa dalla stessa Corte, in quanto alleati di Hamas, organizzazione che pratica ufficialmente il terrorismo anche contro i civili: mentre, ad ogni buon conto, Israele ha gia iniziato a bloccare 127 milioni di dollari, appartenenti alla quota dei proventi di dazi e tariffe doganali che, per legge, spettano all`Autorità Nazionale Palestinese”.

“Un conflitto, questo, che si trascina, apparentemente senza sbocchi, su sempre più fronti”, osserva ancora il corrispondente de il manifesto da Gerusalemme. “Da quello interno (dopo l’ultimo, sanguinoso attentato del 17 dicembre a Gerusalemme Est, coi quattro religiosi uccisi, gli israeliani hanno minacciato d`intervenire durissimamente nella città, con revoca dei permessi per molti lavoratori palestinesi, demolizione di case, e addirittura deportazioni collettive in Cisgiordania) a quello diplomatico, e all`economia. Lo stallo, infine, deriva anche dalla vicinanza delle elezioni politiche israeliane (17 marzo). Per il Likud è prevista una dura battaglia contro i laburisti e il partito alleato dell’ex- ministro Tizpi Livini, che dovrebbe tuttavia concludersi con la vittoria (e la riconferma quindi, dell’attuale premier: con buona pace di Obama, fortemente irritato verso Netanyahu dai giorni dell’ultima, sanguinosa repressione israeliana a Gaza)”.

“Non dobbiamo poi dimenticare – aggiunge Luisa Morgantini – gli obbiettivi limiti, e gravi errori, dei palestinesi: che da tempo non riescono a esprimere una leadership altenativa a quella vecchia, espressione soprattutto dell`OLP, ormai screditata per eccessiva disponibilità nei confronti di Israele, e per una gestione delle risorse caratterizzata da sprechi e corruzione. L’unica alternativa emersa negli ultimi otto anni, Hamas, in complesso non esce da una visione integralista della politica (anche se non paragonabile a quella di al Qaeda o dell’ISIS), e dal frequente, inaccettabile ricorso al terrorismo contro i civili. Teniamo presente, però, che, “de facto”, Hamas, sin dal 2006, accettando di presentarsi alle elezioni non solo a Gaza, ma anche in Cisgiordania (elezioni con regolarità certificata dagli osservatori internazionali), ha implicitamente riconosciuto lo Stato d`Israele. Per aiutare veramente il processo di pace in Palestina, tuttavia – conclude la Morgantini – in Italia dobbiamo uscire dalla veterocultura delle manifestazioni di massa e basta. Seguiamo l`esempio anglosassone, cioè fare lobby nel senso migliore del termine: creando anzitutto un coordinamento stabile tra le varie organizzazioni per pace e diritti civili in genere (Rete della Pace, Rete per il disarmo, “Sbilanciamoci”, ecc…), e poi scrivendo regolarmente ai nostri parlamentari per esortarli a seguire l`esempio dei colleghi svedesi, britannici, francesi e dello stesso Europarlamento.

Che, negli ultimi mesi, hanno approvato risoluzioni che, pur con vari “distinguo”, invitano i Governi a riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina. Senza disconoscere, è chiaro, il legittimo diritto di Israele alla sicurezza che, però, non può diventare l`alibi per protrarre all`infinito un`occupazione che, per il popolo palestinese, comporta obbiettive, intollerabili sofferenze”.

Fabrizio Federici

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento