lunedì, 21 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A,
derby selfie show
Pubblicato il 12-01-2015


Totti SelfieFinisce 2-2 il derby della Capitale tra Roma e Lazio. Protagonista assoluto Totti, autore di una doppietta, che ha scattato un selfie con i tifosi della curva Sud sullo sfondo dopo lo strepitoso gol del pareggio. Prova di forza della Juventus, che espugna il San Paolo di Napoli e torna a +3 sui giallorossi. Bene Inter e Fiorentina, primo sorriso per Zola, sempre più giù Parma e Cesena.

INFELICI E CONTENTI – Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? La Lazio può recriminare perché all’intervallo aveva in mano il doppio vantaggio grazie alle reti di Mauri e Felipe Anderson. E, nella ripresa, oltre al palo pieno colpito ancora da Mauri sul 2-1, nei minuti finali Klose ha sfiorato il gol vittoria, negato da una super parata di De Sanctis. Ma i biancocelesti possono consolarsi con il terzo posto solitario in classifica. Discorso simile per i cugini della Roma: alla vigilia il tecnico Rudi Garcia aveva parlato di vittoria nel derby e sorpasso alla Juventus. Pronostico fallito su tutti i fronti, ma per come si era messa la partita, è un punto prezioso. Protagonista assoluto Francesco Totti, che si è caricato la squadra sulle spalle siglando i primi due gol su azione in campionato. Dopo la seconda rete, una perla in sforbiciata, il capitano è andato a esultare sotto la curva Sud, immortalando l’esultanza con un selfie che ha fatto presto il giro del mondo sul web.

JUVENTUS SPIETATA – L’occasione era troppo ghiotta per non sfruttarla. Dopo il pareggio della Roma, infatti, la Juventus ha guadagnato 2 punti sui rivali giallorossi, vincendo 3-1 al San Paolo di Napoli dando un chiaro segnale di forza dopo l’opaco pareggio interno contro l’Inter del 6 gennaio. Magnifica la rete di Pogba che ha aperto l’incontro, poi nella ripresa è arrivato il pareggio di Britos, ma poco dopo Caceres e Vidal hanno chiuso il match.

INTER E FIORENTINA OK – Si avvicinano al terzo posto Inter e Fiorentina. I nerazzurri, nel match giocato all’ora di pranzo, hanno superato 3-1 il Genoa (gol di Palacio, Icardi e Vidic per i padroni di casa, Izzo per i liguri). Rimandato alla prossima partita l’esordio del neo acquisto Shaqiri, mentre Podolski sembra essersi inserito subito al meglio negli schemi di Mancini. Spettacolare incontro al Franchi dove la Fiorentina ha battuto 4-3 il Palermo (a segno Pasqual, Basanta, Cuadrado e Joaquin per i viola, doppietta di Quaison e Belotti su rigore per i siciliani). Vittoria importante anche per la Sampdoria, a cui è bastato un bel gol di Eder per avere la meglio sull’Empoli. Frena invece il Milan, bloccato 1-1 a Torino (vantaggio dei rossoneri con il rigore di Menez, pareggio granata nel finale con il difensore goleador Glik).

ZOLA SORRIDE – Al nono tentativo, il Cagliari è riuscito a vincere la prima partita interna. Vittoria che coincide con i primi punti di Zola sulla panchina rossoblù, dopo il negativo esordio a Palermo (sconfitta 5-0). I sardi hanno battuto 2-1 il Cesena grazie ai gol di Joao Pedro e Donsah, mentre per i bianconeri è servito a poco la rete di Brienza nel finale. La squadra di Di Carlo è sempre ultima insieme al Parma, che ha perso 3-1 a Verona contro l’Hellas (gol di Sala, Toni e Valoti per gli scaligeri, Lodi per il momentaneo pareggio dei ducali). I veneti di Mandorlini non vincevano al Bentegodi da oltre 3 mesi. Pareggi 1-1 tra Sassuolo e Udinese (Zaza per i neroverdi, Thereau per i friulani) e Atalanta e Chievo (vantaggio bergamasco con Zappacosta, pareggio veneto nel finale con una punizione perfetta di Lazarevic).

LA CLASSIFICA – Questa la classifica dopo la 18esima giornata

  1. Juventus 43
  2. Roma 40
  3. Lazio 31
  4. Napoli 30
  5. Sampdoria 30
  6. Fiorentina 27
  7. Genoa 27
  8. Milan 26
  9. Inter 25
  10. Palermo 25
  11. Sassuolo 24
  12. Udinese 23
  13. Hellas Verona 21
  14. Torino 19
  15. Empoli 18
  16. Chievo 18
  17. Atalanta 17
  18. Cagliari 15
  19. Parma 9
  20. Cesena 9

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento