lunedì, 21 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A, poker Juve.
Roma bloccata a Palermo
Pubblicato il 19-01-2015


JuveRoma bloccata a Palermo, la Juventus scappa a +5 sui giallorossi grazie al 4-0 rifilato al Verona. Flop del Milan, battuto a San Siro dall’Atalanta. Il Napoli supera la Lazio e si prende il terzo posto, insieme alla Sampdoria, corsara a Parma. Vincono in extremis anche Fiorentina e Torino.

INCUBO JUVE PER L’HELLAS  La Juventus prova il primo vero tentativo di fuga in campionato. Nell’ultima giornata del girone d’andata, i bianconeri strapazzano il povero Verona 4-0 (doppietta di Tevez e gol di Pogba e Pereyra), già battuto per 6-1 giovedì scorso in Coppa Italia, e conquistano così il titolo di campioni d’inverno. Trasferta piemontese da dimenticare per i ragazzi di Mandorlini: probabilmente nemmeno il più ottimista dei tifosi gialloblù sperava di strappare punti nel doppio incontro allo Juventus Stadium, ma il 10-1 complessivo è davvero pesante. La mini-fuga dei bianconeri è dovuta al pareggio 1-1 tra Palermo e Roma (Dybala per i siciliani, Destro per gli ospiti). Per i giallorossi si tratta del quarto pari nelle ultime sei gare: troppi per una squadra che, a detta dell’allenatore Rudi Garcia, vincerà sicuramente lo scudetto.

COLPI ESTERNI – Fattore casalingo praticamente inesistente in questa giornata. Il Napoli vince all’Olimpico contro la Lazio (gran gol di Higuain) e sorpassa i biancocelesti, prendendosi quel terzo posto che è il vero obiettivo degli azzurri. Insieme alla squadra di Benitez, c’è la Sampdoria che supera 2-0 il Parma al Tardini grazie alle reti di Bergessio e Soriano. Doriani scatenati anche sul mercato, con gli acquisti di Eto’o e Muriel. Male le milanesi: il Milan perde 1-0 in casa contro l’Atalanta (decisivo Denis) aprendo di fatto la crisi. Il gioco non c’è, la difesa prende sempre gol e la posizione di Inzaghi adesso non è più sicura. Poco meglio l’Inter, fermata 0-0 sabato pomeriggio dall’Empoli al termine di una prestazione negativa. Mancini ha bisogno di tempo, ma per conquistare traguardi importanti serve continuità. Vittoria in trasferta anche per Fiorentina e Torino. I viola passano all’ultimo secondo 2-1 in casa del Chievo grazie al colpo di testa di Babacar dopo il vantaggio di Gonzalo Rodriguez e il pareggio veneto dell’eterno capitano Pellissier. Partita rocambolesca anche a Cesena, dove il Toro vince 3-2 (doppio vantaggio granata con Benassi e Quagliarella, pareggiato dai due rigori di Brienza, poi gol decisivo del neo arrivato Maxi Lopez), tornando al successo in trasferta dopo quasi 4 mesi. Pareggi ricchi di gol tra Genoa-Sassuolo e Udinese-Cagliari. A Marassi finisce 3-3 (Iago Falque e doppietta di Fetfatzidis, il secondo su rigore allo scadere, per i liguri, due gol di Berardi, il primo anche lui dal dischetto, e Missiroli per gli ospiti) che non accontenta nessuno, mentre al Friuli è 2-2 (vantaggio sardo con Joao Pedro, rimonta bianconera grazie ad Allan e Thereau e pari finale di Avelar su rigore), con il tecnico dell’Udinese, Stramaccioni, arrabbiato per il penalty concesso nel finale agli ospiti.

LA CLASSIFICA  Questa la classifica dopo la 19esima giornata, l’ultima del girone d’andata.

  1. Juventus 46
  2. Roma 41
  3. Napoli 33
  4. Sampdoria 33
  5. Lazio 31
  6. Fiorentina 30
  7. Genoa 28
  8. Milan 26
  9. Inter 26
  10. Palermo 26
  11. Sassuolo 25
  12. Udinese 24
  13. Torino 22
  14. Hellas Verona 21
  15. Atalanta 20
  16. Empoli 19
  17. Chievo 18
  18. Cagliari 16
  19. Cesena 9
  20. Parma 9

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento