martedì, 22 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ucraina in mano agli “stranieri”. Arriva Soros
Pubblicato il 15-01-2015


George-Soros-UcrainaLa situazione in Ucraina assume toni sempre più nebulosi, non solo la guerra “in casa”, anche la situazione politica appare sempre più incerta, con l’arrivo in queste ore a Kiev del controverso magnate George Soros dopo che ieri gli Usa si sono detti pronti a concedere 2 miliardi di dollari all’Ucraina. Ma a far discutere e preoccupare è anche la decisione del nuovo esecutivo, guidato da Petro Poroshenko, di affidare posti ministeriali chiave a “cittadini stranieri”. Il Presidente Poroshenko ci è riuscito scavalcando le usuali procedure e concedendo la cittadinanza ucraina, qualche giorno prima del voto, a Aivaras Abromavicius, Natalie Jaresko e Aleksandre Kvitashvili (decisione, secondo alcune indiscrezioni dettata da Soros).

Il ministero delle Finanze è stato affidato a Natalie Jaresko, cittadina americana di origine ucraina che ha ricoperto vari ruoli all’interno del Dipartimento di Stato Americano. La Jaresko vive a Kiev dal 1992, prima come dipendente della sezione economica presso l’Ambasciata americana e poi come amministratrice di una società (Western NIS Enterprise Fund) impegnata nel collocamento dei fondi governativi USA in Ucraina e Moldavia. Tra il 2005 e il 2010 ha fatto inoltre parte del Consiglio Consultivo per gli Investimenti Esteri del Presidente Viktor Yushenko. Il ministero del commercio e dello sviluppo economico è stato affidato, invece, a Aivaras Abromavicius, cittadino lituano che negli anni novanta ha lavorato per i principali istituti bancari operanti nei paesi baltici(Hansabank e Swedbank group). Dal 2002 è entrato a far parte di East Capital, fondo d’investimenti specializzato nei mercati emergenti e nella regione est-europea. Ma l’unico dei “ministri stranieri” che nel passato ha ricoperto ruoli governativi è il nuovo ministro della Sanità, Aleksandre Kvitashvili, georgiano che tra il 2008 e il 2010 è stato ministro del lavoro e della salute nel suo Paese. La decisione di di mettere degli stranieri a capo di Ministeri importanti come questi è stata giustificata con la necessità di attuare un cambiamento rispetto alla gestione passata, ma l’unica svolta rispetto al passato è quella che riguarda la politica estera con l’avvicinamento dell’Ucraina alla Nato.

Ma a destare sospetti di infiltrazioni è soprattutto l’arrivo del magnate Soros, ricevuto con tutti gli onori a Kiev e accolto dal Presidente Poroshenko che lo ha ringraziato per il suo supporto all’Ucraina, in particolare per la sua pressione sulla società internazionale per aumentare il suo supporto al paese. Recentemente, infatti, il miliardario americano George Soros ha rivelato a Fareed Zakaria della CNN di essere responsabile della creazione di una fondazione in Ucraina che ha contribuito al colpo di Stato contro il presidente Viktor Ianukovitch e all’insediamento di una giunta sostenuta dagli Stati Uniti. “Ho creato una fondazione in Ucraina prima che il paese diventasse indipendente dalla Russia. Questa fondazione ha continuato a operare e ha avuto un ruolo importante negli eventi recenti”, ha spiegato Soros. È noto che molti partecipanti alle manifestazioni di Piazza Maidan a Kiev erano membri delle ONG fondate da Soros o addestrati da queste stesse ONG in seminari e conferenze sponsorizzate dall’International Renaissance Foundation (IRF) di Soros e dai suoi numerosi istituti e fondazioni Open Society.

Ma le preoccupazioni adesso riguardano la mobilitazione alle armi fatta dal Parlamento ucraino, dopo l’attentato del bus a Volnovakha, il più sanguinoso dopo la fragile tregua decisa a Minsk. L’attentato ha fatto ripartire la violenza tra i due fronti mentre non cessa lo scambio di accuse tra Mosca e Kiev sulle reponsabilità.
Intanto cresce la preoccupazione per il richiamo alle armi di Kiev disposto per i tre scaglioni di riservisti da integrare nei ranghi dell’esercito nel 2015. La mobilitazione del primo contingente è prevista il 20 gennaio e riguarda 50.000 persone.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento