mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Una donna al Quirinale? Ma Bonino è malata
Pubblicato il 12-01-2015


Donne-Presidente-RepubblicaÉ partito il conto alla rovescia per le imminenti dimissioni del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, fissate per mercoledì 14. Mentre procede il toto nomine, il partito socialista italiano ha lanciato una campagna online per sondare quale sarebbe il candidato donna ideale degli utenti. Nel frattempo, Emma Bonino, tra le persone indicate a ricoprire la carica di capo dello Stato ha annunciato di essere malata di un tumore al polmone: “Devo sottopormi a cure, ma continuerò a fare attività politica”…

BONINO: DEVO CURARMI, MA NON RINUNCIO ALLA POLITICA – Nel suo annuncio, avvenuto oggi in onda su Radio Radicale Bonino ha spiegato che sarà costretta a ridurre le sue attività per potersi curare “ma non ho intenzione di interrompere la mia attività politica perché da una passione politica non ci si dimette”.

CINTI LUCIANI (PSI): L’ITALIA PRONTA PER CAPO DONNA – “L’Italia è un Paese pronto per avere un capo dello Stato donna” spiega all’Avanti! Rita Cinti Luciani, responsabile Pari opportunità del Psi e sindaco di Codigoro (Fe) che non ha dubbi: “In Italia non mancano donne autorevoli, di spessore e di grande competenza. Il nostro Paese necessita di dimostrare il reale cambiamento nella parità di genere, e auspico che le parlamentari italiane abbiano uno scatto di orgoglio”. Proprio oggi in Croazia è stato eletto – per la prima volta – un capo dello Stato donna, la conservatrice Kolinda Grabar Kitarovic che ha 46 anni. In Italia il requisito è il compimento del 50esimo anno di età, “una soglia che potrebbe essere superata” suggerisce Cinti Luciani, ricordando che la campagna online lanciata dal Partito socialista italiano dimostra che il Psi è un partito aperto alle istanze dei cittadini”.

Silvia Sequi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Anche io ho votato il sondaggio per un presidente donna e ho votato per Emma Bonino non perché è una donna semplicemente perché è una politico capace, competente, laica e non condivido le sue posizioni economiche. E finiamola con questa favola che ci vuole una donna. Ci vogliono persone competenti: mi sono proprio rotto di queste sciocchezze catto-comuniste.

Lascia un commento