mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Yemen. Il colpo di stato dei ribelli
Pubblicato il 20-01-2015


Yemen-colpo di statoLa situazione resta confusa nella Capitale dello Yemen ma Sanaa è ormai in mano ai ribelli sciiti che si sono impossessati del Palazzo presidenziale, attuando così il colpo di Stato. “Sono dentro”, sono le parole del colonnello Saleh al-Jamalani, comandante delle guardie presidenziali, riferendosi ai miliziani houti che sono riusciti a entrare nel palazzo presidenziale, i ribelli alla fine sono riusciti ad occupare la sede governativa dopo violenti scontri con la guardia presidenziale e dopo aver bombardato anche l’abitazione del presidente Abed Rabbo Mansour Hadi che ha fatto predere le tracce.

In realtà la situazione dello Yemen era allo sbaraglio da diverse settimane, l’unica cità ad essere sotto il controllo governativo era la Capitale che ora si trova nelle mani delle milizie dei ribelli, la situazione è degenerata il 17 gennaio, quando i ribelli hanno preso in ostaggio Ahmed Awad bin Mubarak, capo di gabinetto del presidente Hadi, responsabile del dialogo nazionale tra le forze politiche e i gruppi etnici del Paese.

Yemen-sciitiLa comunità internazionale resta preoccupata tanto che diverse ambasciate sono state chiuse e il consiglio di sicurezza dell’Onu si è riunito a porte chiuse. “Grave preoccupazione” è stata espressa dal segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon durante la riunione, Ban Ki-moon ha anche lanciato un appello affinché sia ristabilita l’autorità delle legittime istituzioni di governo.

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento