giovedì, 23 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

CalcioScommesse, Conte accusato di frode sportiva
Pubblicato il 10-02-2015


Calcio-scommesse-ConteSi è conclusa dopo quattro anni l’indagine della Procura di Cremona sul giro di scommesse che ha sconvolto il calcio italiano. Sono 130 gli indagati tra gli addetti ai lavori: tra loro l’attuale ct della Nazionale, il capitano della Lazio, Stefano Mauri, e anche l’allenatore dell’Atalanta, Stefano Colantuono, estraneo fin qui ai fatti. Prosciolti, invece, i calciatori Bonucci e Criscito.

FRODE SPORTIVA – Non più associazione a delinquere, ma frode sportiva. E’ questa l’accusa mossa ad Antonio Conte. I fatti contestati all’ex tecnico della Juventus, oggi ct dell’Italia, si riferiscono ai tempi in cui allenava il Siena e in particolare alle partite contro Albinoleffe e Novara. Quei match, secondo il Pm Di Martino, sarebbero stati “aggiustati” a tavolino e Conte non avrebbe battuto ciglio, pur essendo a conoscenza dei fatti. Il tecnico degli azzurri ha già scontato una squalifica di quattro mesi per omessa denuncia, in un episodio simile che si riferisce alla partita Bari-Salernitana e ora potrebbe rischiare una squalifica anche maggiore.

‘’NON MI DIMETTO’’ – Proprio nel giorno della notizia dell’accusa di frode sportiva, Antonio Conte (probabilmente per spostare l’attenzione dal tema delle scommesse a quello della nazionale) ha incontrato il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, per fare il punto sulla situazione dell’Italia e in particolare sul rapporto con i club (non proprio idilliaci). Nelle scorse settimane, il ct ha spinto per poter organizzare degli stage con i migliori calciatori con l’obiettivo di preparare al meglio l’Europeo in programma l’estate del 2016 in Francia. Ma la risposta delle società (in primis quella della Juventus) è stata molto fredda e alla fine hanno avuto la meglio. Perciò sono circolate voci insistenti sulle possibili dimissioni di Conte, che tuttavia ha seccamente smentito: ‘’Mi auguro che si metta la parola fine a questo discorso. A fine contratto ci arriverò che piaccia o no a qualcuno’’. Tavecchio sta con lui e, anzi, raddoppia: ‘’Con Conte voglio rinnovare il contratto, non toglierlo. Quando scadrà, il nostro obiettivo sarà di allungarlo’’.

GLI ALTRI INDAGATI – Oltre a Conte, sono 129 le persone indagate dalla Procura di Cremona. Tra loro, c’è l’accusa di associazione a delinquere a carico di Beppe Signori, Stefano Colantuono, Stefano Mauri e Cristiano Doni. Sorridono, invece, Bonucci e Criscito: la loro accusa è stata archiviata. L’udienza preliminare è prevista per la tarda primavera, il processo dovrebbe cominciare in autunno. Calcio povero e malato, la luce alla fine del tunnel sembra ancora lontana.

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento