domenica, 21 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Campania. Marco Di Lello
candidato alle primarie
Pubblicato il 04-02-2015


Di_Lello_Marco_primarie_Campania“Tra De Luca e Cozzolino era necessaria una candidatura alternativa e unitaria, io ci ho lavorato ma ora il tempo è scaduto, per questo ho formalizzato la mia candidatura alle primarie del centrosinistra”. Lo ha detto il capogruppo del Psi alla Camera Marco Di Lello, presentando alla stampa la sua discesa in campo per le primarie per la scelta del candidato presidente alle prossime elezioni regionali in Campania.

Di Lello, che ha annunciato che sabato prossimo presenterà alla cittadinanza la sua candidatura a Città della Scienza, ha spiegato che: “Se qualcuno vuole scendere in campo lo faccia nelle primarie che sono allargate alla coalizione e che non sono più un problema interno al Pd. Voglio essere – ha spiegato l’esponente socialista – il candidato dei pendolari che subiscono il disastro dei trasporti, di una sanità in cui io mi candido per riaprire gli ospedali e non per chiuderli, delle imprese contro la burocrazia che è tornata ad imperare in Regione e prima di tutto dell’anticamorra”.

“Sulla candidatura di De Luca alle primarie – ha detto ancora Di Lello – la scelta spetta a lui, se non ci sarà allora vuol dire che la competizione sarà tra me e Cozzolino visto che Migliore non ha ancora formalizzato la sua candidatura”.

“Io – ha aggiunto – mi sono battuto in Parlamento per la modifica della legge Severino – ha precisato Di Lello – ma siccome i tempi non ci sono ora la decisione spetta a De Luca”. Di Lello è intervenuto anche sul tema delle regole delle primarie: “Nel 2011 a Napoli – ha ricordato – abbiamo inventato i democratico cinesi mentre a Roma sono nati i ‘rom dem’. Non oso immaginare che potrebbe accadere alle primarie del 22 febbraio in Campania. Per questo ho sempre sottolineato la necessità di un elenco dei votanti alle primarie”.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento