venerdì, 25 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sanremo 2015:
quanto è social la 65esima
edizione del Festival
Pubblicato il 10-02-2015


sanremo 2015La 65esima edizione del Festival di Sanremo, presentato per il primo anno da Carlo Conti, sembra decisamente voler definitivamente mostrare un segno di cambiamento e di novità. All’epoca dei nuovi mezzi di comunicazione, in cui la fanno da padroni Facebook, Twitter e Youtube, la kermesse canora di musica italiana per eccellenza non poteva che adeguarsi. E così, quest’operazione di restyling inizia, prima, col lancio di un nuovo motto quasi a sostituzione del “vecchio” (senza nessun tono dispregiativo) e tradizionale “perché Sanremo è Sanremo”, rimpiazzato da quello nuovo pubblicitario “perché tutti cantano Sanremo”.  E, poi, parafrasando questo slogan, si potrebbe dire che “perché tutti sono sui social network e cantano Sanremo da lì”. Cantanti in primis compresi.

Ed ecco dunque che, dal Gruppo L’Espresso (che emblematicamente si adegua abbandonando per un attimo la politica, tra satira e pamphlet vari, per dedicarsi anch’esso al Festival) e da un gruppo di ricercatori del CNR di Pisa, nasce un nuovo indice di classificazione (il Socialscore di Tvzap) per poter stabilire quali siano i big più social dei 20 in gara a Sanremo, ovvero quelli che sono più attivi e connessi in Rete, sui loro profili e pertanto più a stretto contatto coi fans. Inutile dire che è indiscutibile quanto l’approccio “digitale” possa avvicinare le star della musica ai loro sostenitori. Che il Festival di Sanremo a breve si trasformi ne “Il social di Sanremo”?

In cima a tutti gli artisti presenti sul palco dell’Ariston spicca Moreno Donadoni, reduce dal successo del film d’animazione che ha doppiato (insieme a Flavio Insinna), “Big Hero 6”, e dall’ultima edizione di “Amici” in cui era a capo della squadra bianca; qui si è contraddistinto per essersi un po’ attaccato simpaticamente con Miguel Bosé, che guidava il gruppo dei blu. Dunque, citando il titolo della sua canzone, è proprio il caso di dire con lui che “oggi ti parlo così” in modo social. Ed è ovvio che cantanti usciti dai talent siano più gettonati da questo punto di vista. Non a caso al secondo posto troviamo un’altra artista uscita questa volta da “X-Factor”, Chiara Galiazzo.

COMBO SANREMO

I 20 big in gara nella 65esima edizione del Festival di Sanremo

A sorpresa deve condividere la posizione di “argento” con Nek, che ritorna al Festival dopo quasi 20 anni e che al Festival porterà il brano “Fatti avanti amore”. Per completare il podio, terza classificata è Anna Tatangelo, che si dimostra davvero “Libera” (come si chiama la sua canzone per Sanremo 2015), soprattutto di osare, di sperimentare e di cimentarsi in esperienze diverse. Non aveva davvero bisogno dei social per rimanere una personalità attiva tra i consensi del pubblico. L’avevamo vista già più volte quest’estate al Coca cola Summer Festival, in cui interpretava la canzone “Muchacha”, scritta per lei da Francesco Silvestre dei Modà ed autore medesimo del brano sanremese. Precedentemente, nel 2013, insieme al suo compagno Gigi D’Alessio, aveva condotto in prima serata su Canale 5 il varietà “Questi siamo noi”. La canzone “Libera” anticiperà l’uscita, il 12 febbraio prossimo, dell’album omonimo.

Qui a Sanremo Anna è di casa: sul palco dell’Ariston si è esibita con i brani “Doppiamente Fragili” nel 2002, “Volere volare” nel 2003, “Ragazza di periferia” nel 2005, “Essere una donna” nel 2006, “Il mio amico” nel 2008 e”Bastardo” nel 2011. Così come giunge direttamente da Sanremo 2013 e con un testo sempre di Kekko dei Modà, Annalisa (nona), che tra l’altro ha duettato nell’album di Moreno “Incredibile” nel brano “Ferire per amare” e come lui è stata impegnata, nel dicembre scorso, come protagonista nel film Babbo Natale non arriva da Nord. Dunque Nali (2011) non è vero che “Non so ballare” (2013), ma “Risplende” (2015), citando i titoli dei suoi album.

E Sanremo servirà anche per lanciare il suo nuovo disco a Gianluca Grignani (ottavo secondo Socialscore di Tvzap), che dal 21 marzo partirà per un tour estivo nei teatri, che inizierà dal Trentino. Scendendo nella classifica, sono ancora artisti usciti e lanciati dai talent a trionfare; come il vincitore dell’ultima edizione di X-Factor Lorenzo Fragola, quinto. Solo ottavo anche il gruppo nato e partito da “Ti lascio una canzone” di Antonella Clerici, Il Volo: il che sorprende negativamente dato il riscontro positivo, il successo che ha avuto, la simpatia che ha infuso nel pubblico e la calorosa accoglienza che riscuote in ogni parte del mondo in cui vada; forse troppo riservati e timidi e giovani per spopolare tra i network. Così come, visto il proselito di fan che hanno, è decisamente scarna la sedicesima postazione per i “Dear Jack”, che hanno inondato le radio e sono giunti finalisti all’ultima edizione di “Amici”. E se sia Marco Masini (12esimo) che Alex Britti (15esimo) sono bassi in classifica, ultimo posto è ricoperto da Raf, che solamente di recente è tornato in rotazione nelle radio con vecchi successi: che Sanremo sia per loro un nuovo inizio?

A proposito di vip più social, infine, due note. Tra i conduttori, sicuramente le co-presentatrici Emma e Arisa sono state meno social di quello che si pensasse, soprattutto riguardo a Sanremo. Vedremo se incrementeranno i loro contributi dall’Ariston, ma sono state abbastanza discrete nell’autopromozione della loro conduzione. Tra gli ospiti, invece, sicuramente i più social in assoluto di tutti sono i “Braccialetti Rossi” (persino più di Biagio Antonacci), che presenteranno la seconda serie della loro fiction sabato 14: i numeri che li riguardano di consensi e proseliti sui social network sono strabilianti, costringendoli ad aprire nuove pagine ed account in continuazione per cercare di stare dietro a fans che li conclamano insistentemente.

Barbara Conti 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento