venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giappone, alla fine un po’ di ripresa
Pubblicato il 16-02-2015


Abe GiapponeDopo la sua ulteriore promozione da parte dei cittadini nipponici in seguito alla tornata elettorale dello scorso 14 dicembre, perdurano le difficoltà dell’Abenomics (crasi tra Abe ed Economics), la serie di riforme concepite e attuate dal primo ministro Shinzo Abe e dalla Bank of Japan (la banca centrale giapponese), nel tentativo di rivitalizzare l’economia del Giappone, da quasi due decenni di deflazione. La terza economia mondiale è uscita dalla recessione tecnica – la terza dal 2008 – ma a un ritmo inferiore alle aspettative: il Pil, in modo contenuto, è tornato a crescere (+0.6%), ma nell’anno in corso la crescita prevista è pari a zero.

I DATI DEL GIAPPONE – Secondo le stime preliminari, pubblicate oggi , il Pil giapponese, nel quarto trimestre 2014 è cresciuto a un tasso annualizzato del 2,2%, pari a un +0,6% sul trimestre precedente (e a un tasso nominale annualizzato del 4,5%). Le stime medie degli analisti ipotizzavano una espansione a un tasso annualizzato intorno al 3,6-7 per cento. Questa ripresa nella parte finale dell’anno passato – inferiore alle previsioni – mostra le sfide che il primo ministro Shinzo Abe deve affrontare. La fragile performance dell’economia nipponica aveva condotto Abe a rinviare un ulteriore incremento dell’Iva al 10% – previsto a partire da ottobre 2015 – dopo l’aumento di tre punti percentuali scattato lo scorso aprile, senza dimenticare che il suo progetto prevede un obiettivo di imposta indiretta sui consumi al 18%.

L’ATTESA DELLA RIUNIONE DELLA BANCA CENTRALE – L’attenzione è ora concentrata sulla riunione della Bank of Japan (BoJ) – guidata da Haruhiko Kuroda – che mercoledì comunicherà le sue decisioni di politica monetaria: le attese degli osservatori prevedono una conferma della strategia in corso, resa ancora più espansiva lo scorso ottobre.

Siria Garneri 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento