venerdì, 25 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giordania. Contro l’Isis torna la legge del taglione
Pubblicato il 04-02-2015


Isis-pilota-bruciatoIl nuovo Re della Giordania, Abdallah II, verrà ricordato negli anni a venire per una sentenza di condanna a morte che ricorda la legge del taglione di secoli fa. Stamane all’alba è stata impiccata la terrorista Sajida al Rishawi, condannata a morte nove anni fa per gli attentati ad Amman in cui morirono 50 persone, la donna irachena richiesta dall’Isis in cambio della liberazione del pilota giordano catturato dagli jihadisti. Sajida è stata giustiziata come ritorsione per Muad Kasabeah arso vivo dallo Stato Islamico insieme a Ziad al-Karbouli, qaedista e stretto collaboratore di Abu Musad al-Zarqawi.

La Giordania reagisce così alla macabra esecuzione del suo pilota mettendosi sullo stesso piano di un gruppo di terroristi, ma non è il solo Stato che si allinea e chiede vendetta e sangue. L’Egitto, dall’alto di una delle sue università più prestigiose chiede “l’uccisione, la crocifissione e la mutilazione dei terroristi dell’Isis”.

Le parole arrivano dall’autorità religiosa dell’Università di Al-Azhar, il più prestigioso centro d’insegnamento dell’Islam sunnita, lo stesso dove Barack Obama fece lo storico discorso al mondo islamico nel 2008.

Liberato Ricciardi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento