venerdì, 25 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I settemila furbetti del cantoncino…
Pubblicato il 09-02-2015


Una volta in Svizzera gli italiani andavano per lavorare. Magari anche adesso, soprattutto i giovani. E molto più di settemila. Ma non parliamo di loro. Quel che è emerso dai file segreti divulgati dalla banca Hsbc è la presenza, tra i ben centomila clienti con conti privati, dal re del Marocco alle star di Hollywood ai campioni dello sport, di settemila italiani. Si precisa che non tutti hanno commesso reati. Ma è evidente che almeno la gran parte ha depositato i propri soldi in quella banca per evitare di pagare il fisco. Altro motivo non c’è. La divulgazione è frutto della International Consortium of Investigative Journalists, che ha sede a Washington. Già nel 2010 la Francia aveva distribuito la cosiddetta lista Falciani (l’ex dipendente della banca Hervè Falciani aveva consegnato alle autorità francesi un elenco di tremila nomi di evasori) e questa era stata consegnata anche agli altri paesi affinché verificassero le posizioni dei loro cittadini.

Le nuove rivelazioni sull’identità complessiva della lista segnalano un potenziale di evasione e di frode fiscale mastodontico. Secondo i calcoli si potrebbe trattare di una evasione di 180 miliardi di euro. Attendiamo naturalmente di conoscere i nomi dei nostri emigrati fiscali nella terra di Guglielmo Tell. Già sono state vagliate le posizioni di Flavio Briatore, di Valentino Rossi, dello stilista Valentino. L’impressione è che la lista dei settemila italiani sia composta dal gotha del mondo economico e finanziario, oltre che dal mondo dello spettacolo e dello sport. La rivelazione potrebbe aprire nuovi scenari, perché, sia ben chiaro, portare soldi in Svizzera, come a Montercarlo, non significa solo evadere, ma anche frodare il fisco italiano. Parallelamente si potrebbero modificare le nuove nazionalità. Che un imprenditore italiano assuma la nazionalità svizzera, ed è capitato a uno tra i più famosi, è solo un paravento e il governo svizzero non lo può ignorare.

Resta sullo sfondo il tema del debito pubblico, con le norme del trattato di Maastricht, ci incalzano la situazione di difficoltà nella quale molti paesi si trovano e la disoccupazione di massa, soprattuto giovanile, in cui ci arrabattiamo non solo noi italiani. Sia ben chiaro, evadere e truffare il fisco è sempre molto grave, ma lo diventa ancora di più se come conseguenza di tale reato, si creano danni e drammi sociali di tutta evidenza, se il peso di questa insopportabile e presunta furbizia si scarica sulle tasche di un intero paese e in particolare di chi si trova in forte difficoltà a vivere una vita decente. C’è nell’atteggiamento di questi “furbetti del cantoncino” svizzero una doppia colpa. Quella di arricchirsi illecitamente, togliendo allo stato italiano risorse dovute e di favorire così la miseria dei propri concittadini. I quali ultimi avrebbero tutto il diritto di rifarsi su di loro.

Una volta si pensava che fosse un segno distintivo avere qualche conto in Svizzera. Era normale evadere il fisco. D’altronde era così anche nella vita di tutti i giorni, e in qualche misura è ancora così. Ricordo che quando ero parlamentare i ristoranti romani non presentavano quasi mai la ricevuta fiscale e nessuno la pretendeva. Ricordo che i taxisti chiedevano se ne avevi bisogno e tu avevi l’impressione che pretenderla fosse un atto di arroganza. La piccola evasione di massa ha ingigantito il debito. Anche grazie a un costume solo italiano di considerare lo Stato come un estraneo e l’evasore come un complice. Qui siamo di fronte a un fenomeno ancora più grave. L’evasione dei ricchi è moralmente ben peggio di quella dei taxisti e dei barbieri. Forse costoro ne avevano bisogno per sopravvivere o per concedersi qualche piccolo lusso. I ricchi no. Lo hanno fatto per arricchirsi ancora di più. E questo è ignobile e irresponsabile. Soprattutto oggi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Forse ci dimentichiamo che il Parlamento dei carneadi che non rappresentano nessuno, dico proprio nessuno, ha varato una legge depenalizzando il falso in bilancio instaurando in questo paese l’economia della truffa. L’agenzia delle entrate che fa? Fa le multe agli insegnanti che consegnando il 730 alla direzione provinciale del tesoro non gli hanno richiesto le ricevute delle spese sanitarie e dopo qualche anno le hanno spulciate facendo pagare gi errori con la multa sopra. Se non ci sarebbe da ridere su quanto accade in questo paese? Già, ma un paese che fa fare le riforme Costituzionali a Boschi e Serracchiani che ti puoi aspettare.

  2. Caro Mauro,
    ripropongo ancora il mio pensiero.
    Una possibilità potrebbe essere quella di avere tutti la possibilità di detrarre l’IVA ( o almeno parte di essa) cosi da incentivare il rilascio di fattura e creare nel contempo qualche decina di milioni di controllori. Lo so, ci sono poi i problemi di bilancio…ma almeno cominciamo a ragionare su qualche proposta.
    Manuel Magnani – segretario provinciale PSI – Parma

  3. Finalmente direttore. Scusi lo sfogo ma sono così d’accordo e in sintonia con l’articolo che è la prima cosa che ho pensato. Io sarò fissato: credo che la lotta all’evasione e alla frode fiscale sia la prima e più grande battaglia su cui dovrebbero impegnarsi governo e parlamento; una primissima battaglia per i socialisti. Grazie. Saluti socialisti!

Lascia un commento