giovedì, 18 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

LASCIATI SOLI
Pubblicato il 21-02-2015


Immigrati_sbarchi_barconeIl Pd renziano ha inviato l’on. Amendola, che per cognome esprime massima autorevolezza. Eppure era il vertice dei segretari socialisti europei e tra Libia, Ucraina e Grecia, quello di Madrid non era un consesso di ordinaria importanza. Riccardo Nencini, presente a Madrid con Luca Cefisi, non è per nulla soddisfatto delle conclusioni del vertice e dell’approvazione dei due documenti.

Riccardo, mi sembri piuttosto deluso. Perché?Nencini-Psi-giovani
Perché noi avevano sollecitato alcune prese di posizione chiare che invece non sono emerse. Prendiamo la prima, e cioè la questione della sicurezza del Mediterraneo. Abbiamo sollecitato a superare una visione puramente monetaria, con Triton che oggi è decisamente insufficiente.

Ma c’è stato uno stanziamento di 14 milioni annunciato dal delegato greco.
Questo dimostra che la questione è ritenuta marginale, cioè da paghetta ogni tre-sei mesi solo con uno stanziamento. Ci vuole ben di più. L’Europa deve considerare il Mediterraneo la sua frontiera a sud che oggi è minacciata e poco custodita.

Eppure Triton dovrebbe rappresentare una nuova coscienza in tal senso da parte dell’Europa, tutta.
Ma se non mandano uomini e strutture che permettano di bloccare l’immigrazione generalizzata, o quanto meno di censirla, oggi siamo soprattutto noi italiani a subirne le conseguenze. Mettiamoci in testa che il primo approccio è in terra italiana. Poi è vero che i più varcano anche i confini italiani e che l’immigrazione nel nostro Paese è inferiore a quella di altri Paesi europei. Ma oggi c’è il problema della sicurezza. L’Isis potrebbe inviarci terroristi pronti a tutto.

Certo se non sono pattugliate le coste da cui partono i barconi è un dramma.
Servirebbero truppe per selezionare e bloccare i sospetti. Verificare a monte chi chiede asilo politico e chi invece è solo clandestino. E tra questi ultimi chi è clandestino perché cerca lavoro e chi invece è un fanatico che cerca violenza.

Ci sono stati altri emendamenti proposti dal PSI?
Altri due: uno riguardava la proposta di tenere gli investimenti fuori dal Patto di Stabilità. A parole tutti d’accordo, poi si cincischia e si approva una risoluzione vaga. Infine sulla Libia. Abbiamo proposto che il mediatore dell’Onu, Leon, fosse affiancato da un italiano. Per evidenti motivi, visto che l’Italia ha una particolare posizione geografica. Anche su questo non si è deciso nulla.

Tutto questo pare dimostrare che anche il Pes è tedesco-centrico e che la Spd, che si trova al governo con la Merkel, non può sconfessarne la politica. È perfino ovvio. Ma gli altri?
Gli altri parlano, dissentono, ma non rompono coi tedeschi. I quali fanno un passo avanti verso le esigenze dei socialisti europei, e un altro indietro verso la difesa del governo tedesco.

D’altronde questo è tipico della storia dei socialisti tedeschi. Visto che siamo a cent’anni di distanza, basterebbe ricordare cosa avvenne nell’Internazionale socialista dopo l’esplosione del primo conflitto bellico mondiale.
Questo è vero. Ma oggi non si deve fare lo stesso errore, altrimenti anche il Pes fa la stessa fine. Bisogna agire perseguendo un obiettivo comune, senza trincerarsi ognuno nella difesa dei propri confini. Ma è possibile? Noi lavoreremo, per quanto ci sarà possibile, in questa direzione.

Mauro Del Bue 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Le nostre idee sono giuste, ma è evidente che senza un robusto consenso elettorale alle spalle, non valgono nulla.
    E’ triste prenderne atto, ma è la pura verità
    Coraggio Compagni,non arrendiamoci, la lotta continua!

Lascia un commento