lunedì, 10 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

“Lib-lab” e l’impegno
dei cattolici in politica
Pubblicato il 10-02-2015


Sabato-Vinci-Lib-labSi è tenuta nel Golfo di Policastro un seminario sul ruolo sociale e politico dei cattolici. Protagonista della conferenza il giurista ed economista saprese Sabato Vinci. 26 anni , fiero della sua impostazione culturale liberalsocialista, oggi all’“Avvocatura Generale dello Stato” si interessa di questioni di diritto dell’economia e finanza pubblica, avendo nel frattempo intrapreso una collaborazione con la LUISS quale Assistente presso le cattedre di “Economia dell’Impresa” e “Diritto Amministrativo”.

“Ho accettato di buon grado l’invito che mi è stato rivolto dalla Diocesi della mia terra di tenere una lezione sull’impegno sociale e politico dei cattolici. Oggi ho avuto l’opportunità di rivolgermi a una platea diversa rispetto a quelle che sono abituato a frequentare… parlando agli operatori pastorali e ai giovani impegnati a vario titolo nelle organizzazioni cattoliche e nella vita della Chiesa, ho notato la presenza in sala anche di piccoli imprenditori, commercianti e professionisti che evidentemente manifestano un’esigenza di ascolto sui temi pubblici che hanno un evidente impatto sulle scelte preordinate allo sviluppo economico. A queste persone, in un momento di assenza drammatica di contenuti nel dibattito politico, è richiesto un intenso impegno attivo basato su una riflessione attenta circa i pericoli del cambiamento d’epoca che il mondo sta vivendo e un confronto aperto sulle azioni necessarie a promuovere nuovo sviluppo.”

Tra gli argomenti che hanno suscitato maggiore interesse vi è il grande valore della fratellanza nell’era moderna come fondamento per lo sviluppo di società libere e solidali, in grado di realizzare allo stesso tempo integrazione culturale, cooperazione economica e progresso democratico. Nonché il ruolo dell’Europa nell’equilibrio democratico dell’era contemporanea e la questione del rapporto tra i “diritti sociali e diritti di libertà”, i quali “sono ancora troppo trascurati a vantaggio di una visione eccessivamente austera ed egoistica dell’economia e della politica”. Non è infine mancato un riferimento alla grande missione dei cattolici nel rimettere al centro il valore della “Persona” e l’invito a partire dalle proprie comunità di riferimento per “promuovere spazi volontari di mutua assistenza volti a contrastare il fenomeno perverso che sta facendo scivolare sotto la fascia di povertà, soprattutto nelle grandi realtà urbane, interi strati della popolazione come i pensionati e le famiglie numerose”.

La lezione si è conclusa con uno sguardo alle realtà internazionale e mediterranea, che “rende centrale nel dibattito pubblico il tema dello spostamento di grandi masse umane, dalle aree più depresse a quelle più ricche del mondo”

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento