mercoledì, 20 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’inganno
Pubblicato il 11-02-2015


Deputati di Sel, che avevano appena votato il presidente della Repubblica, accaniti avversari della riforma elettorale e costituzionale, si scagliano contro i banchi del governo lanciando le cartelle degli emendamenti. Il relatore della legge elettorale, il povero Sisto, di Forza Italia, costretto a dimettersi perché il suo partito, dopo aver subito l’onta dell’accordo Pd-Sel sul nuovo presidente della Repubblica, ha deciso di contestare una legge da lui sostenuta e appena approvata dal suo partito nell’altro ramo del Parlamento. Nel mezzo deputati del Nuovo centrodestra, che ringhiano per la sottomissione a Renzi, ma alcuni pronti, qualora il partito se ne distaccasse, a far parte dei nuovi “responsabili”. Più a lato i grillini, sempre meno determinanti e ormai abbandonati da una trentina di parlamentari dialoganti con Renzi. Sui banchi del governo ministre e ministri sicuri di potere andare avanti da soli. Dicono da soli, immaginando che Alfano sia nessuno o uno dei loro.

Alla Camera nessun problema. Il Pd, anche coi suoi dissidenti, conta su una solida maggioranza. Ma al Senato? Ormai se ne dicono di tutti i colori. Si parla di un Verdini, a proposito anche lui al vertice di una banca assieme al papà della Boschi, intenzionato a capeggiare un gruppo di renziani di centro-destra. Si ritiene che i dissidenti grillini possano dare la fiducia al governo, poi che alcuni esponenti del gruppo del Gal sarebbero pronti al passo. La mia impressione è che i senatori tutto possano volere tranne le elezioni anticipate. Oddio, si voterebbe ancora per il Senato e per loro non sarebbe neppure un male. Ma quanti di Forza Italia verrebbero rieletti? Potrebbe avvantaggiarsene la Lega e infatti nessuno dei leghisti è un sospettato responsabile. La verità e che ormai esiste al Senato una maggioranza supplente.

D’altronde non era stato lo stesso Romani a teorizzare la funzione supplente di Forza Italia quando dichiarò, a proposito dell’approvazione della legge elettorale, che i voti di Forza Italia “sostituivano” quelli mancanti del Pd? Dopo lo strappo sul presidente della Repubblica Forza Italia ha deciso, almeno al momento, di non svolgere più questa funzione e così si è creato il vuoto del partito supplente, perché evidentemente, con la presenza dei dissidenti del Pd, la maggioranza di governo non è più autosufficiente. Per la verità non lo è mai stata e basta verificare i voti di fiducia e le assenze dei senatori di Forza Italia, per rendersene conto Quel che però sarebbe politicamente e costituzionalmente corretto è dire la verità.

Il governo Renzi, che si è retto, non solo per le riforme elettorali e costituzionali, sull’apporto determinante di Forza Italia, adesso si rivolge al supplente del supplente. Sarà costituito un gruppo di senatori proveniente da partiti che l’elettorato aveva individuato come oppositori. Ex grillini ed ex berlusconiani, dunque. Più o meno come fece, rosicandoli nel fronte avverso, il bersagliato Berlusconi. Se allora era un male, adesso sarà un bene. Nell’immediato dopoguerra quando un giovane comunista chiese al segretario di sezione del suo partito perché se un iscritto proveniente dal Psi si scriveva al Pci era giusto, mentre il contrario era un tradimento, gli fu risposto: “Perchè nel primo caso è un passo avanti, nel secondo un passo indietro”. Così va il mondo.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. In Italia serviva una Grosse Koalition e Napolitano la voleva perché è persona intelligente.
    Finita l’era Napolitano, si riprende la stagione conflittuale a danno del Paese.
    Una strategia politica provinciale.
    Per noi PSI meglio l’Autonomia a questo punto, ben marcata, e puntare sugli ex Forza Italia, sui laici e sulla sinistra social- democratica. Negli anni 90 quando iniziai a frequentare i socialisti che stavano di là si diceva “il PSI non é di sinistra, é La sinistra”.

  2. E’ veramente una cosa che fa schifo, che allontana ancora di più i cittadini dalla politica, un mercato delle vacche dove ogni cosa ha un prezzo fregandosene della coerenza che ognuno che riveste quelle cariche dovrebbe avere.
    La cosa indigna , ma non meraviglia più di tanto perché questi signori ( deputati e senatori), non sono eletti ma sono nominati, per cui non devono rendere conto ad un determinato elettorato di una determinata zona, ma possono passare con disinvoltura da uno schieramento ad un altro, non sono soggetti al giudizio dell’elettore che se ci fossero le preferenze potrebbe sceglierli o meno, ma solo alla discrezione del capo partito che li ha proposti.
    Con la nuova legge elettorale il vulnus dei nominati continua per cui l’unico sincero è il senatore Razzi quando dice che quando uno tiene famiglia deve riflettere prima di perdere un lavoro dove si portano a casa 15000 euro al mese netti senza tanti problemi

  3. insomma Caro Mauro, posiamo andare avanti così? Possiamo permettere che sto prepotente di Renzi arrivi al 2018 senza il voto degli italiani? Possiamo permettere ancora che il parlamento sia diventato una stanza di compensazione degli interessi contrapposti delle contrapposte maggioranze delle minoranze e della minoranze delle maggioranze (sic!!!!!!!!) che vergogna.Ma noi dove siamo …è vero che siamo un drappello ma va bene così?

Lascia un commento