sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un’associazione contro
ludopatia e speculazioni
Pubblicato il 12-02-2015


ludopatiaSi è riunito a Roma il gruppo interessato alla costituzione dell’associazione Interessi comuni, che avrà il duplice compito di aggredire tutte le ingiustizie del sistema bancario e di approfondire e divulgare l’impegno sulla lotta contro il gioco d’azzardo. Si tratta di due temi strategici per il nostro partito, già al centro della sua iniziativa legislativa e politica. I senatori socialisti hanno avanzato una proposta di legge per modificare l’articolo 1, comma 160 della legge 147, ai fini di tutelare diritti dei cittadini oggi espropriati dei loro beni. Abbiamo avanzato l’idea di riformare la cosiddetta “centrale rischi”, che marchia all’infinito un cittadino colpito dalla crisi. Già il libro che raccoglieva gli articoli dell’Avanti è stato presentato a Bologna e al Senato. Si prevedono adesso analoghe presentazioni a Milano, Napoli e Piacenza.

Massimo Carugno, responsabile della questioni sociali del Psi, si è impegnato a presentare al più presto una bozza di statuto, che verrà discusso e approvato dal nucleo fondativo, formato ad oggi da Bobo Craxi, Armando Anceschi, Angelo Santoro, Franco Benaglia, Enrico Buemi, Marco Di Lello, Marco Polizzi e Mauro Del Bue. Si tratta di un’iniziativa di grande valore e che l’Avanti sosterrà con una rubrica dal titolo “Società e interessi comuni”, cui verranno convogliati i contributi politici dell’associazione e di tutti coloro che intendano battersi contro le ingiustizie vecchie e nuove che riguardano, così come la tutela del cittadino di fronte al potere finanziario, anche la difesa delle persone da un gioco d’azzardo che alimenta solo le casse della malavita. Il Psi si riallaccia così alla sua migliore tradizione, quella che intende perseguire obiettivi di giustizia sociale, con particolare riferimento agli sfruttamenti del mondo contemporaneo.

In taluni casi il sistema bancario ha generato iniquità sia verso il mondo dell’impresa, che ha subito vessazioni, che verso i semplici cittadini, spesso oggetto di comportamenti spersonalizzati. È tempo che il nostro partito riscopra la sua autentica anima socialista, coniugandola con la lotta ai poteri forti della nostra epoca. La finanza è oggi il cuore del problema. Ha scatenato la crisi mondiale che si è riversata sull’economia e sulla società. Esiste nel mondo un Pil finanziario composto da derivati che è dieci volte superiore al Pil reale. Un’economia di carta ci sommerge e ci minaccia. Anche le più elementari regole di democrazia e di responsabilità vengono così messe in discussione. I meccanismi puramente finanziari che regolano un’Europa priva di unità politica ed economica e che si umilia inviando a trattare la questione ucraina non se stessa, ma i due leader delle nazioni più rappresentative, ne è esempio emblematico. Contemporaneamente, soprattutto nei paesi mediterranei, si affacciano sempre più consistenti tendenze antieuropee, vocazioni estremistiche, trasversali componenti autoarchiche. Il tema è pressante.

Per restare alle banche, la stessa riforma di quelle popolari italiane, che può avere una ragione per le regole di mercato, finisce però per eliminare qualsiasi tendenza cooperativa e solidaristica che una banca di quel tipo tradizionalmente sapeva mantenere. Una nuova idea di equità oggi latita. E spetta a noi rilanciarla. Anche per questo abbiamo fatto nascere questa associazione aperta a tutti, che cercherà un dialogo e una sorta di unità d’azione con l’associazione dei radicali Sbanchiamoli e un rapporto di collaborazione attiva con tutte le associazioni e i movimenti che si occupano dei diritti dei cittadini. Il nostro scopo è di agitare un’esigenza, di pubblicizzarla, di produrre soluzioni. E mi sembra questo un dovere morale, oltreché politico.

Mauro Del Bue 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Complimenti. Siete stati Grandi. Una specie di Conferenza di Yalta contro le iniquità dell’attuale sistema bancario e finanziario. Era ora che anche qualcuno del mondo politico decidesse di scendere in campo al nostro fianco, cittadini tartassati dagli istituti discredito. Bravi, bravi, bravi.

  2. Buonasera Direttore, leggo con profonda commozione che anche Lei ha deciso di schierarsi verso il fare, oltre che il raccontare, se pur sempre magistralmente. Auguri per questa nuova iniziativa che andrà sicuramente a toccare i nervi (e non solo) scoperti di tanta gente in difficoltà. Veramente un bell’esempio di “politica reale”. Grazie.

  3. Complimenti Direttore, iniziativa pregevole ed apprezzabile in linea con tradizione e valori socialisti. Speriamo che queste tematiche a cui fa riferimento l’associazione che hanno radici nella tradizione socialista, servano a dare linfa anche alle future iniziative socialiste che come già detto altre volte dovrebbero assumere tratti maggiormente distintivi rispetto a quanto proposto (o forse il termine più appropriato sarebbe imposto) dal PD e dal suo capo. Fraterni saluti Je suis socialiste

  4. Buongiorno Dr. Del Bue, sono con la presente ad esprimerLe la mia gratitudine per la costituzione, insieme ad esimi personaggi del mondo politico e sociale, di questa associazione Interessicomuni. Lo dico nel convincimento che potrete aiutare tante persone in difficoltà, compreso me medesimo. Abbiamo un gran bisogno del vostro sostegno, competenza ed aiuto. Grazie. M

  5. Magnifica iniziativa Mauro. Hai illustrato diverse peculiarità della tradizione socialista legata a questa iniziativa, che sono state fin dalle sue origini quelle della difesa dei più deboli e degli indifesi perché privi di tutele e di rappresentanza a fronte delle loro necessità. È inoltre una dimostrazione che si può fare Politica anche senza essere eletti ma svolgendo un ruolo attivo nella Società da parte di tutti coloro che si vogliono impegnare in questo compito di servizio alla realizzazione del bene comune.
    Benvenuta sull’Avanti alla rubrica “Società e interessi comuni”.
    Sarebbe fruttifera, oltre che per l’Associazione, anche per il ruolo che i socialisti vogliono interpretare con questa iniziativa che questa fosse accompagnata dalla massima diffusione presso i Sindacati, le Categorie imprenditoriali, le Associazioni dei Consumatori e di quelle del Terzo settore del Volontariato.
    Una Rete in cui torniamo ad essere protagonisti, può rappresentare uno dei tanti mattoni necessari per ricostruire la Casa Socialista.
    Di nuovo Bravi!!
    Je suis socialiste

  6. Assicuro l’amico Mandelli che abbiamo a cuore la vicenda della sua azienda, che è purtroppo l’esempio del malaffare e del malcostume col quale una banca si è comportata con una azienda meccanica florida e ha contribuito a farla fallire. Verremo presto a Piacenza a presentare il libro.

  7. Finora non potevo commentare essendo al lavoro da stamattina presto; adesso ho un pò di tempo, prima di ricominciare questa interminabile giornata e posso, non soltanto apprezzare e condividere la lodevole iniziativa, ma sostenere, per come mi sarà possibile, il percorso intrapreso. Un’iniziativa socialista, nel solco della migliore tradizione socialista: finalmente qualcosa di diverso che guarda a chi è vittima, a chi non ha diritti, a chi è più debole socialmente, contro le speculazioni della moderna società, in cui l’uomo spesso, troppo spesso, perde il senso dei valori per l’accecamento del frivolo; dove molti rischiano le proprie condizioni perché la poca disponibilità economica conduce loro sulla strada del rischio del gioco, divenendo marionette nelle mani dei potentati, dei malavitosi, e degli usurai (altra piaga da combattere). Grazie Compagni, questo è il Socialismo che vogliamo – stando nella società dell’oggi – senza far sconti a nessuno, guardando alla prospettiva di un domani migliore!

  8. Quando ci rendiamo conto che il movimento cooperativistico, come era e come dovrebbe essere, non nelle note del PD?
    L’UNIPOL SAI ha perso tutte le caratteristiche iniziali. Le Banche popolari sono un ostacolo per i poteri, che fanno il tifo per il rottamatore. Purtroppo, la minoranza PD non è in grado di ribaltare la tendenza in atto. Il tandem Verdini -Renzi è pericolossissimo.
    Io giudico il tandem. Tutto il resto è noia.

  9. “… I meccanismi puramente finanziari che regolano un’Europa priva di unità politica ed economica e che si umilia inviando a trattare la questione ucraina non se stessa, ma i due leader delle nazioni più rappresentative, ne è esempio emblematico…” Caro Mauro, pensaci meglio. Hollande e la Merkel hanno fatto bene a imboccare la strada di un possibile accordo con Putin! Come era prevedibile c’è un “grezzo”, realizzabile solo dai capi di Stato e non da altri, che ora i Ministri degli Esteri, coadiuvati da Federica Mogherini, si preoccuperanno di affinare. Se le ragioni dell’economia e del mercato (quello vero e non quello di carta) prevarranno, allora si raggiungerà un punto di equilibrio come è sempre successo quando a decidere sono le necessità del fare e del commerciare. Se invece prevarranno i fondamentalismi, le ideologie e la speculazione finanziaria, allora saranno guai!

  10. Complimenti per la decisone, e auguri per la riuscita del progetto, bisogna tornare ad occuparsi dei problemi di tutti i giorni che assillano i cittadini, questa è politica e non aver paura dei poteri forti

  11. Questa grande iniziativa poteva solo venire da persone SOCIALISTE che hanno a cuore i diritti civili e dei consumatori tutti nonche’ di categorie economiche sopraffatte dai poteri forti delle banche delle finanziarie delle multinazionali che speculano sulla operosita’ di chi investe per la casa, per la sua azienda o per affrontare spese sanitarie…..
    Una grande iniziativa che mette ancora una volta il nostro partito ed il nostto giornale protagonista di una scelta per i piu’ deboli.
    Questo e’ il partito che piace al popolo…..Avanti concretamente anche su altri fronti…..
    Ambiente Sanita’ Lavoro ecc. ecc.

Lascia un commento