sabato, 23 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Renzi il temporeggiatore
Pubblicato il 27-02-2015


Come Quinto Fabio Massimo anche Renzi ha una tattica di attacco. A me pare simile e quella del vecchio console romano. Assaggia e punta, ottiene un risultato e poi cambia interlocutore per la battaglia successiva. Pensiamo al patto del Nazareno che doveva sorreggere l’intera impalcatura riformatrice. Renzi ha certamente lasciato intendere, quando aveva bisogno dei voti di Forza Italia al Senato per sostituire quelli mancanti del Pd, che anche il presidente della Repubblica sarebbe stato scelto insieme. Invece si è presentato con la proposta secca di Mattarella, la cui virtù preclara é stata proprio quella di dimettersi da ministro per dissensi sulla legge Mammì, che ha legalizzato le tivù di Berlusconi.

La battaglia da vincere allora era quella interna al Pd. E Mattarella era forse l’unico nome che lo poteva unire, visto che Amato non era a lui gradito. Passata la tempesta eccoci a una nuova battaglia. Ritorna l’Italicum, stavolta alla Camera. Forza Italia l’ha votato al Senato, ma alla Camera, per ritorsione dopo l’elezione di Mattarella, non lo voterà. Che importa, i numeri ci sono lo stesso. I dissidenti pidini si vedono però stavolta negata la possibilità di introdurre gli emendamenti richiesti, soprattutto quello relativo all’elezione anche dei capilista, che la legge prevede bloccati. Niente da fare. Se la legge dovesse essere emendata alla Camera dovrebbe poi tornare al Senato, pericolosa zona minata per il governo renziano. Ecco allora che i dissidenti, Bersani, in testa, annunciano che non voteranno la legge.

Non conosco con esattezza, dubito che lo conoscano loro, il peso della dissidenza dei deputati. Non credo che raggiungerà la zona rischio. Anche perché il premio di maggioranza ha assicurato al Pd un numero esagerato di seggi. E poi perché anche tra i dissidenti ci sono i preoccupati. Coloro che mal digeriscono una possibile fine anticipata della legislatura, che Renzi agita come argomento solido di persuasione. Finirà probabilmente che anche sull’Italicum il giovin signor fiorentino riuscirà a spuntarla. I suoi oppositori, da Berlusconi a Bersani, si riveleranno così anche un po’ ingenui. Adottare la tattica di Quinto Fabio Massimo, detta anche del carciofo, perché sfila uno alla volta volta i suoi petali, è molto produttiva anche nel governo del Paese. Basta naturalmente che i suoi interlocutori siano semplici petali. Riconosciamo a Renzi l’abilità politica da leader. Riconosciamo ai suoi interlocutori un alto quoziente di insipienza.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro direttore, ti consiglierei (in tutta modestia) un po’ più di cautela nel riconoscimento di abilità da leader politico a certi personaggi. Anzitutto perché l’ascesa al potere, certamente legittima dal punto di vista formale non è stata certo irresistibile (le uniche elezioni vinte, al momento sono le primarie del PD). In secondo luogo, se mi è consentito fare un paragone, Bettino Craxi sfidò e sconfisse in campo aperto il PCI e la CGIL quando questi erano davvero potenti e lo fece avendo contro quasi l’intera “libera” stampa nostrana e, cosa in fondo non meno importante, senza atteggiamenti bullistici e senza mai delegittimare il più grande sindacato dei lavoratori italiani. Temo che le piccole manovre tattiche contro avversari dall’alto quoziente di insipienza, non siano sufficienti a dare patenti da leader politico. Non si deve vincere una partita di calcio, ma risollevare un paese che rischia di fare un salto indietro di oltre mezzo secolo.

  2. Renzi sa il fatto suo. Quello che mi delude, veramente, è l’insipienza dell’alleato di turno che l’aiuta a vincere lo scontro, salvo poi venir messo da parte. Ormai il giochino dovrebbe essere chiaro. Ma i “piccoli” interessi sovrastano

  3. Ora che la differenza fra gli interessi pagati da noi e la Germania è sceso sotto l’1% (spread) Renzi può contare su una montagna di denaro in più da destinare allo sviluppo. Basterebbe questo per togliersi il cappello. Dopo decine d’anni d’insipienza, finalmente è tornato qualcuno che assomiglia a Bettino!

  4. L’importante è che tra i petali, come il direttore considera gli interlocutori non renziani di Renzi, non ci siano anche i socialisti. Sarebbe davvero troppo deludente veder appassire il garofano o la rosa che sia, perché sfogliati della loro parte migliore. Resterebbe solo uno stelo senza alcun senso, cosa questa assolutamente da evitare. Non imbarcarsi nelle beghe del PD, ma sostenere le nostre battaglie nel governo del Paese, pronti anche, in nome della nostra autonomia, a rispondere “picche” su scelte che non condividiamo. Alleati sì, sudditi no!

Lascia un commento