lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma ‘’confina’’ le lucciole
tra proteste e manifestazioni
Pubblicato il 10-02-2015


Roma-prostitute-luci rosseNonostante le forti proteste dei vescovi romani sembra che comunque tra pochi mesi prenderà piede la sperimentazione sulla prima area della città dove la prostituzione sarà tollerata. Difatti I Municipi capitolini sono pronti a «circoscrivere» le lucciole in vere e proprie strade a luci rosse, attraverso il progetto dello «zoning», in rampa di lancio all’Eur. Tutto consiste in tanti piccoli red-light district, a cui più di un terzo del Presidenti di Municipio romani sono disposti a fare più di un pensierino. La quota dei municipi favorevoli è di 11 su 15, in linea con l’amministrazione comunale.

L’obiettivo del progetto è quello di liberare le strade dal fenomeno della prostituzione selvaggia e allo stesso tempo tenere sotto controllo il fenomeno, controllando anche eventuali casi di sfruttamento. Del progetto ne hanno parlato, in un incontro riservato al Dipartimento Politiche Sociali, l’Assessore capitolino Francesca Danese e il promotore del progetto, il presidente del IX Municipio, Andrea Santoro, che illustra la novità: «Abbiamo avuto su questa idea un incontro costruttivo – ha spiegato il minisindaco dell’Eur – l’approccio dell’Assessore mi è sembrato molto positivo, concreto e poco ideologico. Il progetto in questione è prima di tutto un’operazione di recupero sociale». L’operazione, chiarisce il IX Municipio, avrà come riferimento giuridico un’ordinanza. Fuori dalle zone tollerate saranno previste multe ai clienti, fino a 500 euro, che saranno trovati in compagnia delle prostitute. Il costo del progetto sarà di circa 5.000 euro al mese, che andranno in gran parte per le unità di strada, gli operatori sociali che monitorano l’attività delle ragazze ed eventuali casi di sfruttamento. Una parte sarà stanziata dal Municipio e l’altra dal Campidoglio. «Cifre – sottolinea Santoro- assolutamente sostenibili per una città come Roma».

Rimangono ancora contrari i Consigli dei Municipi VII, XI, XII e XV. Questi ultimi denunciano come il progetto sia una vergogna per l’amministrazione della Capitale, che chiude gli occhi davanti ad un problema sociale ed un disagio per i cittadini. L’operazione parte comunque in stretto raccordo col Campidoglio. Ma come sarà concepita la sperimentazione per cui le lucciole saranno spostate e soprattutto quali strade saranno coinvolte? L’idea è portare le prostitute in una strada, o un piccolo gruppo di strade, lontane dagli edifici abitati e dal centro dei Municipi. Per ora la localizzazione delle strade non c’è ancora e secondo Santoro «sarà oggetto di un confronto in Prefettura, a breve». Le strade saranno controllate anche dalle unità di strada, veri e propri gruppi di operatori sociali con il compito di monitorare lo stato delle ragazze, eventuali sfruttamenti o stati di disagio fisico e psichico.

Unica falla nel progetto si evince proprio dall’idea di circoscrivere il problema e non di risolverlo. ‘’Sembra che il Sindaco Marino si sia arreso al fenomeno della prostituzione, – afferma il Coordinatore Fgs di Roma e Provincia, Alessandro Munelli – sebbene questa proposta possa essere letta come un passo in avanti dalla completa indifferenza di qualche mese fa, non si sta parlando di una risoluzione. Il fenomeno della prostituzione deve trovare una sua definizione nella nuova costellazione dei diritti che dobbiamo realizzare, circoscriverlo solamente significa girarsi dall’altra parte e dare le spalle ai bisogni dei cittadini.’’ ‘’La prostituzione – continua il coordinatore – se legalizzata e regolamentata come scelta personale e libera, può diventare un impulso economico per questo paese risultando così un reale riconoscimento di questo nuovo diritto, fin’ora non riconosciuto in Italia. La Fgs di Roma e Provincia si impegna a proporre ed aiutare i nostri deputati per presentare una proposta di legge che possa ampliare la norma dei diritti e dei doveri anche su questo delicato ma importante tema di realizzazione personale tramite la sessualità’’.
Alessandro Munelli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento