domenica, 21 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sale la tensione prima del comizio della Lega
Pubblicato il 27-02-2015


salviniSarà un sabato pomeriggio movimentato quello di domani, per la città di Roma: quando Matteo Salvini, leader della Lega Nord salirà sul palco allestito a Piazza del Popolo per il comizio dal nome inequivocabile “Renzi a casa”, da piazza Vittorio avrà inizio la sfilata dei movimenti antifascisti, delle associazioni e centri sociali dietro lo slogan “Mai con Salvini”. Nel frattempo già questa mattina sono partite alcune contestazioni contro l’iniziativa leghista: alcuni movimenti anti-Salvini hanno infatti occupato – per poco tempo – la basilica di Santa Maria del Popolo. Nel tardo pomeriggio ci sono stati momenti di tensioni tra militanti e alcuni automobilisti bloccati nel traffico nel centro della città.

SALVINI: TUTTO CONFERMATO, NON DECIDONO SQUADRISTI – Sulle proteste di oggi, Salvini è intervenuto confermando l’iniziativa di domani. “La risposta deve essere compatta, pacifica e determinata” ha dichiarato il leader del Carroccio, aggiungendo che “non possono essere quattro squadristi a decidere chi manifesta e chi no”. Salvini ha inoltre auspicato la ferma condanna da parte dei rappresentanti di governo in merito ai “centri sociali che occupano chiese e incitano alla violenza”.

ANTAGONISTI: IMPEDIRE IL COMIZIO – “Impediremo il comizio di Salvini”, annunciano dai movimenti antagonisti che intendono dare un “segnale di ‘respingimento’ forte e chiaro nei confronti del Matteo padano e dei suoi alleati fascisti di Casapound” hanno spiegato i no global.

SEL: SALVINI PORTA TENSIONI – Sulle tensioni di questa mattina è interventuyot il capogruppo di Sel in Campidoglio, Gianluca Peciola che definisce lo sgombero “pesante. E’ grave che si usi violenza per garantire alla Lega la manifestazione di domani. E’ inoltre evidente che Salvini porta tensioni a Roma”. Peciola ha poi promesso di partecipare alla manifestazione “pacifica e democratica, quella della Roma aperta, inclusiva che si contrapporrà a quella tetra organizzata dalla Lega Nord”.

Siria Garneri

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento