lunedì, 22 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Yassine Lafram:
Italiano di fatto,
ma non per lo Stato
Pubblicato il 17-02-2015


All’attenzione del mio Presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Rifiutato. Ancora una volta. Non posso andare nel Regno Unito perché mi è stato negato un visto. L’ennesimo rifiuto. L’ennesima occasione persa. Avrei potuto partecipare a un importante corso di formazione sul volontariato organizzato da una grande ONG internazionele. Ma tant’è. Lo aggiungo alla lunga lista. D’altronde uno come me dovrebbe anche essersi abituato. Per l’Italia non sono ancora cittadino italiano. Nonostante ci abbia passato buona parte della mia vita. Gli anni sui banchi di scuola, prima, e all’Università, poi, non sono sufficienti per dimostrare la mia italianità.

Le scrivo per raccontare la mia vita. E con la mia Le racconto quella di altre centinaia di migliaia di giovani di “seconda generazione”. Italiani di fatto, ma non per lo Stato. Condannati a sentirsi perennemente ospiti nel proprio Paese. Stranieri nella propria comunità. E soprattutto secondi a tutti gli altri. Lo racconto a Lei, che rappresenta una delle cariche più importanti dello Stato, perché spero possa agire per cambiare. Ho fiducia nelle Istituzioni. L’ho sempre avuta. Anche quando queste mi hanno consegnato più dinieghi che permessi. Anche se mi hanno obbligato a interminabili code davanti agli sportelli immigrazione della Questura. Affianco a chi in questo Paese ci ha appena messo piede. Lo racconto a Lei, presidente, perché ho fiducia in Lei.

Mi chiamo Yassine Lafram, ho 29 anni, sono laureato in Lettere e Filosofia con il massimo dei voti, 110 e lode. Per paradosso, proprio la mia volontà di proseguire gli studi mi ha negato la possibilità di ottenere la cittadinanza italiana. Ma questo è solo uno dei tanti ostacoli. Alcuni insormontabili, altri ormai quotidiani. Ho rinunciato a qualche bando pubblico perché la cittadinanza italiana era un requisito. Di conseguenza mi sono privato di tante opportunità formative e lavorative. Non di certo per mia negligenza. Non mi è stata data la possibilità di dimostrare le mie capacità. Nessuno ha potuto esaminare i miei titoli di studio. Sono escluso per principio. Non sono italiano. Non ancora. Ho rinunciato a tanti viaggi all’estero. Alcuni erano per lo studio, altri per il lavoro. Molte persone, che l’italiano lo capiscono a malapena, sono stati riconosciuti come cittadini italiani. Hanno presentato le dichiarazioni di reddito che uno studente come me non può permettersi. La mia richiesta di cittadinanza, depositata un anno fa, e quindi sono in attesa di diventare “italiano” dato che lo Stato non mi ha ancora riconosciuto come tale.

Italiano di fatto ma straniero di nome, e magari un giorno nemmeno il mio nome lo sarà. Sono fiducioso.
#sonoitaliano #lavoltabuona

Yassine Lafram ­

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Che dire , purtroppo l’Italia è un paese emotivo , pronto agrandi slanci ma molto spesso più matrigna che madre, speriamo di riuscire a migliorare, dobbiamo migliorare , sono i nuovi italiani quelli che hanno volontà di non rassegnarsi
    alla stagnazione, sono loro che ci stanno aiutando a risolllevarci abbiamo tutto da perdere con queste assurde burocrazie.
    In bocca al lupo e grazie per essere tra noi.
    Compagno Maurizio molinari – consigliere nazionale off.molinari@libero.it

Lascia un commento