domenica, 21 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Turismo, più ti informi
… e meno spendi
Pubblicato il 25-02-2015


St.MoritzSpesso i costi relativi ai viaggi che si vorrebbero intraprendere rappresentano l’unico elemento frenante che può dissuadere il potenziale viaggiatore dall’immediata prenotazione e partenza. Le spese più onerose sostenute durante il corso di un viaggio sono quelle relative all’alloggio e al vitto, le quali supererebbero quelle del trasporto rispettivamente del 25 e del 40%.

Questi sono i risultati emersi dalla ricerca di mercato condotta da GoEuro sulle diverse tipologie di strutture ricettive nelle maggiori città del mondo, alle quali vengono associati i relativi costi medi per una notte. Tra le più costose dove trascorrere la notte: la Grande Mela, St. Moritz e la cinese Macao. Sorprendentemente località come Dubai e Montecarlo non si trovano in vetta, nonostante i costi risultino essere molto elevati. Le città nel mondo più economiche, invece, si trovano nell’est Europa e nel nord Africa. Svariate sono le città italiane presenti nella lunga lista, tutte si collocano in posizioni relativamente mediane con differenze di prezzo minime. Pernottare in una città del centro Italia costerebbe, infatti, pochi euro in più rispetto al nord.

New YorkRoma si aggiudica il 43simo posto, seguita in Italia da Firenze. Un occhio particolare al prezzo ha fatto sì che nell’ultimo decennio si sia diffusa la tendenza ad optare per una sistemazione in condivisione presso ostelli della gioventù e bed & breakfast. Risulta innegabile, quindi, che i prezzi siano fattori di influente importanza nelle scelte dei viaggiatori di tutto il mondo. I prezzi relativi ad un soggiorno medio nella Città Eterna oscillerebbero a seconda del periodo eletto. Maggio e giugno assieme a settembre e ottobre sarebbero, infatti, i mesi dell’anno lievemente più costosi per una notte trascorsa nella Capitale. Risulta essere maggiormente conveniente, invece, alloggiare a Roma nei mesi di febbraio e novembre, in questo periodo, infatti, si risparmierebbero circa 50 euro a notte per una camera doppia standard rispetto ai mesi più cari.

MacaoUna tecnica abbastanza diffusa tra viaggiatori fa leva sulla “psicologia inversa”, ossia sul tentativo di prevedere quali saranno le mete più gettonate in un dato periodo dell’anno e, una volta individuate, cercare di optare per una località meno ambita, ma pur sempre desiderata. Essendo la dimensione on-line sempre più sfruttata, è opportuno prima di partire controllare sempre anche eventuali recensioni di altri utenti, perché il risparmio è un requisito importante, ma non a scapito della buona riuscita del viaggio.

 Lorenzo Mattei

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento