martedì, 25 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un detenuto si suicida,
commenti choc degli agenti
Pubblicato il 19-02-2015


polemicheLa notizia del suicidio di un detenuto ha scatenato una serie di commenti choc sulla pagina Facebook del Giornale della Polizia Penitenziaria. Il 15 febbraio l’Alsippe (Alleanza Sindacale Polizia penitenziaria) ha pubblicato sulla propria pagina Facebook una notizia relativa al suicidio di un detenuto, Ioan Gabriel Barbuta 39enne rumeno, nel carcere di Opera a Milano.

L’uomo era stato condannato nel 2013 all’ergastolo dalla Corte di Assise d’Appello di Venezia per aver ucciso un anziano nel 2007 e, come ha informato l’Alsippe in una nota, si è impiccato nella sua cella, nonostante il pronto intervento della Polizia penitenziaria. Quella stessa notizia è stata successivamente condivisa anche sulla pagina Facebook del Giornale della Polizia Penitenziaria ed è stata commentata con frasi tipo: “Uno in meno”, “Consiglio di mettere a disposizione più corde e sapone”, “Ottimo speriamo abbia sofferto” “Giustizia fu fatta. Ora ci sarà la giustizia Divina a fare il resto” e “Oh. Come sono dispiaciuto.” Pare che alcuni di quei commenti siano stati scritti da agenti della Polizia Penitenziaria.

“QUATTRO IMBECILLI” Il vicedirettore del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) Luigi Pagano in un’intervista di Antonio Iovane su Radio Capital, ha giudicato “inaudito” quanto successo aggiungendo: “Stiamo prendendo provvedimenti e potranno esserci conseguenze estreme. facebook commenti polemiche
Dobbiamo tutelare il personale che lavora lì dentro e che ne salva ogni giorno sacrificando la propria incolumità fisica”. Per Pagano coloro che hanno commentato usando quelle parole sono “quattro imbecilli, gettano fango su uomini che lavorano in condizioni estreme”. Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe ha dichiarato che “Esultare per la morte di un detenuto è cosa ignobile e vergognosa. Il suicidio in carcere è sempre, oltre che una tragedia personale, una sconfitta per lo Stato. E ci vuole rispetto umano e cristiano ancor prima di quello istituzionale“.

I COMMENTI CANCELLATI  Pronta la risposta della segreteria generale Aslippe che ha rimosso i commenti dal post sulla pagina Facebook. “Non e’ nostra abitudine censurare i commenti dei nostri followers pubblicati sul nostro profilo di Facebook”, si legge nella nota “ma visto il contenuto e fermo restanti le responsabilità personali per quanto si afferma scrivendolo su Facebook alcune frasi riportate, hanno ingenerato una strumentalizzazione tale da comportare un possibile danno di immagine al Corpo di Polizia penitenziaria. Oltre a non essere assolutamente condivisibili da parte del nostro sindacato, pertanto abbiamo ritenuto opportuno cancellarli.”

ORLANDO: NON GENERALIZZARE – Oggi il ministro della giustizia Andrea Orlando ha incontrato il capo del Dap, Santi Consolo e ha invitato a “non generalizzare: non credo – ha dichiarato Orlando – che le opinioni emerse corrispondano al sentire comune della polizia penitenziaria, impegnata quotidianamente per impedire i suicidi in carcere, non per esultare quando avvengono”. Il Guardasigilli ha reso noto che nei prossimi giorni convocherà anche le sigle sindacali della polizia penitenziaria.  Durante la conferenza stampa con il responsabile del dicastero di via Arenula, il capo del Dap ha dichiarato di aver già firmato “16 provvedimenti cautelari di sospensione e concordato con il direttore generale del personale l’avvio di procedimenti disciplinari a carico”. Questo avvio – ha spiegato Consolo – “è determinato da una circostanza: tutti sono liberi di manifestare il proprio pensiero, ma in questa libertà vi sono dei limiti, dei limiti che discendono dalle funzioni che si svolgono”.

Stefano Lanzano

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sono giusti i commenti scandalizzati rispetto a quanto viene scritto : del resto FB , funziona come detonatore di tutti gli impulsi. Le frasi di circostanza , indispensabili , però , mi fanno porre una semplice domanda. Quello che viene scritto é il sentimento di pochi ? C’é un’indagine per capire cosa realmente pensano le guardie carcerarie – che certo non fanno un mestiere facile ? Insomma , cosa veramente succede ?

Lascia un commento