lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Anticorruzione, inizia l’esame al Senato
Pubblicato il 19-03-2015


DDL anticorruzione-Buemi

L’esame del ddl anticorruzione comincia oggi nell’Aula del Senato secondo quanto ha deciso la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. “Abbiamo chiesto e ottenuto il cambiamento di calendario perché era necessario che il ddl anticorruzione arrivasse in Aula oggi” ha detto il presidente del Pd Luigi Zanda. “Non è una bandierina simbolica – ha aggiunto – ma un atto parlamentare decisivo, infatti l’arrivo in Aula con il relatore significa che è finita la fase istruttoria e che il provvedimento arriva in Aula secondo un percorso che porterà all’approvazione in tempi molto rapidi. E’ una decisione che il Pd ha voluto e promosso e di cui abbiamo avuto l’approvazione”.

A questo punto, come ha spiegato il ministro della Giustizia Orlando che è intervenuto sui ritardi nell’iter del ddl, “il provvedimento anticorruzione può essere votato: il legame con il testo sulla tenuità del fatto e la sua entrata in vigore è un problema che non esiste. La Commissione ha avuto il testo, se ci sono schermaglie di carattere procedurale sono lecite, ma il ddl si può  votare”.

“Ci sono molti provvedimenti – ha detto Orlando – nel cui iter si fa riferimento ad articoli di legge che non hanno ancora efficacia”. Problema questo che è stato sollevato in Commissione Giustizia al Senato sul ddl anticorruzione a proposito del decreto legislativo sulla cosiddetta tenuità del fatto. I contenuti di quest’ultimo provvedimento sono legati alla formulazione degli articoli sul falso in bilancio ma il testo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale solo ieri alle 18, con entrata in vigore delle misure per il 2 aprile. “Se il problema era che il testo fosse arrivato ai componenti della Commissione del Senato – ha specificato Orlando – posso dire che il testo lo abbiamo distribuito. Se il problema è la pubblicazione in Gazzetta, il testo è stato pubblicato. Se è in atto una schermaglia di carattere procedurale, dico che tutti i mezzi possono essere utilizzabili: ho fatto l’opposizione, conosco la dialettica parlamentare. Ma non c’è un problema legato all’entrata in vigore della tenuità del fatto rispetto al ddl anticorruzione: il ddl si può votare”.

 Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento