giovedì, 14 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I 100 di Stalingrao, e
la sinistra che non c’è più
Pubblicato il 29-03-2015


pietro ingraoIl 30 marzo Pietro Ingrao, icona vivente del conservatorismo comunista italiano, ha compiuto 100 anni. Auguri ad una personalità il cui profilo personale profuma di bucato ma che nella sua vita politica non ne ha indovinata una che sia una: universitario fascista vincitore di un Littoriale della cultura e dell’arte, poi aderente e dirigente del Pci, discepolo e interprete di Togliatti, fu per 10 anni, dal 1947 al 1957, decennio in cui morì Stalin, il Pcus celebrò il XX congresso e nel 1956 l’Urss soffocò nel sangue la rivoluzione ungherese, direttore de L’Unità che, come si può vedere dalla prima del 6 marzo 1953 in cui si annuncia la morte del dittatore georgiano,orientò sui binari della più rigorosa ortodossia stalinista.

Ideologicamente agli antipodi dei valori della socialdemocrazia e fieramente ostile al socialismo riformista italiano, dopo il crollo del Muro di Berlino, fu strenuo oppositore della svolta occhettiana della Bolognina, condizionandone pesantemente le dinamiche possibili, costituendo la corrente dei “comunisti democratici” (!).

Checchè se ne possa pensare Ingrao non è l’ultimo dei Mohicani: alcuni dei suoi seguaci, sotto mentite spoglie, ricoprono ancora ruoli apicali nel panorama della sinistra italiana e proseguono, applicandone le prassi, l’opera del loro carismatico leader. Purtroppo.

Emanuele Pecheux

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Già, di questi tempi gli anti-democratici non mancano. Ve ne sono persino alcuni che siedono al CN del Psi e che vorrebbero limitare il diritto di parola a coloro che la pensano diversamente.

Lascia un commento