mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il divorzio breve spacca il Senato
Pubblicato il 12-03-2015


Divorzio breve-Psi

Terminata la fase di discussione generale sono slittate a martedì prossimo le votazioni sugli emendamenti, le repliche e le dichiarazioni di voto sul disegno di legge 1504 relativo al divorzio breve, già approvato dalla Camera lo scorso 29 maggio. Il testo sul cosiddetto divorzio diretto o immediato – che prevede 12 mesi in caso di separazione giudiziale (invece di tre anni) e sei mesi per quella consensuale – può contare sull’appoggio del Pd, Psi, parte di Forza Italia e delle opposizioni, Sel e Movimento5Stelle.

LE POLEMICHE – Dopo il via libera della Commissione Giustizia della Camera alla nuova disciplina della prescrizione – che ne allunga i tempi – a creare altre tensioni tra Pd ed Ncd è la questione del divorzio breve. In particolare, il punto poco digeribile per parte di Forza Italia ed Ncd è il comma 2 dell’articolo 1 del testo, inserito dalla Commissione Giustizia del Senato che prevede – oltre alla riduzione del tempo di separazione pre divorzio – ci sia una procedura per ottenere il divorzio senza dover più passare per fase della separazione.

BUEMI: CONDIVISIONE DEL TESTO, NO A EMENDAMENTI – Il senatore socialista, Enrico Buemi è intervenuto in Aula durante la discussione generale, ricordando che il testo oggi in esame dell’Aula è quello licenziato dalla Commissione Giustizia al Senato, “testo che condividiamo e sosterremo, e che di fronte a prese di posizione non comprensibili, non siamo disposti a emandare”.

NENCINI: SOCIALISTI VOTANO A FAVORE E CON CONVINZIONE – Gli ha fatto eco il segretario Psi, nonchè viceministro dei Trasporti, Riccardo Nencini, sottolineando che “i socialisti votano a favore e con convinzione del divorzio breve. Si realizza una nostra idea. Leggo di alcuni mal di pancia. Comprensibile il travaglio di una coscienza, ipocrita il travaglio collettivo, colpevole la resa incondizionata a ordini provenienti da chissà dove”.

Silvia Sequi

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento