lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Immigrazione e politica
Pubblicato il 11-03-2015


immigratiNel sentire i “talk show” alla televisione avvertiamo tutti, credo, un crescente disagio. Perché ci pare di fronte non a semplici bugiardi, innati o per necessità, ma a persone che a furia di imbrogliare gli altri hanno finito per imbrogliare se stessi, producendo cortine fumogene che gli impediscono qualsiasi rapporto con la realtà.

Ora, la “sindrome da autoinganno” è particolarmente evidente -e particolarmente nociva – in materia di immigrazione. E la modestissima ambizione di questa breve nota è quindi, semplicemente di fornire qualche indicazione ai telespettatori perché evitino, nella misura del possibile, di esserne contagiati.

Per cominciare, attenzione a quelli che propongono nuove ricette o contestano, in radice, il fallimento delle vecchie. Il tutto, a partire dall’ipotetico convincimento (primo e più clamoroso esempio di autoinganno) che si tratti di un “problema”, suscettibile di essere “risolto”. Nell’Europa dei primi decenni del dopoguerra, poteva ancora sembrare così: uno sviluppo economico che avvicinava il sogno della piena occupazione, i turchi e altri extracomunitari che arrivavano e partivano a chiamata, i profughi e rifugiati politici  che arrivavano nel mondo libero da oltre la cortina di ferro, pronti per essere, ad uno ad uno, accolti e assistiti. Oggi qualsiasi rapporto razionale tra domanda e offerta è pressoché completamente scomparso: da una parte stagnazione e inoccupazione di massa; dall’altra un numero indefinito e potenzialmente infinito di persone in arrivo non per attrazione, ma per fuga di fronte a minacce reali quanto indefinite e infinite.

Una crisi mondiale ed epocale. Una crisi irrisolvibile. Che però potrebbe essere gestita in modo razionale da un’Europa aperta al confronto con il resto del mondo e non chiusa a riccio a rimorchio delle sue paure e dei meschini calcoli dei singoli stati. Come è oggi, rischia seriamente di rimanere.

E, allora, è il caso di sottoporre tutti quelli che contestano le vecchie strategie per proporne di nuove e mirabolanti a un doveroso “esame finestra”. Chiedete, per esempio, a chi dichiara con sussiego il fallimento e dell’integrazione e del multiculturalismo che cosa propone di fare: arrendersi all’Islam (incubo Fallaci)? Aprire una guerra di civiltà? Espellere, modello Spagna 1600? Seguirà una scena muta.

Oppure interrogate Salvini sull’”aiutateli a casa loro”. Magari facendogli notare che questa idea, se fosse posta concretamente sul tappeto, troverebbe l’ostilità generale. Degli europei che dovrebbero cacciare la grana e tanta; e, soprattutto, dei destinatari della sua offerta. Dei governi che dalle rimesse degli emigrati traggono risorse almeno dieci volte superiori a quelle derivanti dagli aiuti; e dei loro cittadini che vedono, in questo caso, che i soldi arrivano nelle tasche giuste. Non saprà come rispondervi.

E, per non fare sconti a nessuno, chiedete ai signori di Bruxelles e ai vari ministri dell’interno chiarimenti sull’operazione Frontex. E saranno costretti a rispondervi che il suo criterio ispiratore non è affatto ( a differenza di Mare nostrum) quello dell’accoglienza ma piuttosto quello del controllo e del respingimento. Chiedetegli, allora, come questi principi possano essere fatti valere in mezzo ad un mare in tempesta dove è impossibile distinguere i buoni dai cattivi, i veri profughi dai potenziali clandestini e in una condizione in cui non si sa dove e a chi rimandarli indietro e torneranno a fare scena muta. Anzi faranno di peggio: vi racconteranno, senza arrossire, che il loro obbiettivo è di combattere i cattivi scafisti: quasi che fossero loro all’origine della tragedia epocale che è sotto i nostri occhi.

Naturalmente lo scontro sull’immigrazione non è solo retorica e autoinganno. Dietro ci sono i mestatori e gli ipocriti ma anche gli uomini di buona volontà impegnati sul fronte del dialogo e della mediazione. I casi pietosi; ma anche i casi di successo, assai più numerosi. I razzisti, ma anche tanta povera gente che razzista non lo è affatto ma che vede nell’immigrazione, e in particolare in quella irregolare, l’ennesimo segno della sua perdita di controllo sul mondo che la circonda; e che, quando chiede aiuto, si sente fare la lezioncina da persone a cui non importa nulla dei suoi problemi. La clandestinità come categoria morale ma anche i clandestini, le ragioni che li rendono tali e gli impediscono di uscire dalla loro condizione e la grande rete di interessi, nel grande intreccio tra economia e criminalità che di tale condizione si avvantaggia. I buonisti e i cattivisti di professione; ma anche i realisti della politica e dell’economia. L’immediato, ma anche la prospettiva.

Ora, di tutto questo “anche” nella politica come spettacolo-rappresentazione non c’è quasi la minima traccia. Per la politica, quella vera, un vero e proprio suicidio; perché negare la complessità dei problemi ha sempre aperto la strada ai “terribili semplificatori”. E magari anche perché i sullodati semplificatori appartengono alla destra.

Alberto Benzoni 

 

 

 

 

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento