mercoledì, 12 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

India. Esami scolastici,
il trucco c’è e si vede
Pubblicato il 20-03-2015


Studenti indiani-espulsiDi  primo acchito può sembrare la scena di un film. Nella realtà lo scatto è autentico, come autentico è stato l’imbroglio di massa ideato e messo in atto a Bihar, Stato dell’India nord-orientale: genitori e amici di studenti sotto esame hanno rischiato la vita – arrampicandosi sulla facciata degli edifici e aggrappandosi alle sporgenze delle finestre – per passare le risposte. Il ministero dell’Istruzione indiano ha dovuto espellere poco più di 600 studenti colti in flagrante mentre copiavano dai fogli che “provenivano” dalle finestre.

In India è comune barare durante lo svolgimento di esami – nel 2013, sempre nel Bihar 1600 studenti sono stati bocciati – ma scalare un edificio rappresenta un’assoluta novità. In ogni caso l’istruzione di un figlio sembra valere più della vita stessa del genitore. Uno di questi ha spiegato che doveva aiutare il suo ragazzo perché “gli insegnanti non insegnano nulla e spesso sono assenti”. Il ministro dell’Istruzione P.K. Shahi ha reso noto che il problema è diffuso e rappresenta una sfida per il suo governo: “È responsabilità della società garantire che gli esami si svolgano in maniera regolare” ha aggiunto. “In primo luogo, mi appello a genitori e tutori affinché smettano di barare per aiutare il governo a garantire esami liberi e giusti”.

Siria Garneri 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento