mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’inno alla meritocrazia
di Abravanel
Pubblicato il 27-03-2015


Ieri, 26 marzo, sul Corriere della Sera si leggeva un elogio funebre dello storico presidente-padrone di Singapore, Lee Kuan Yew, scritto da Roger Abravanel. “Quando Lee prese la guida del Paese nel 1988, la situazione economica era drammatica”, intona aulico Abravanel, e giù un florilegio di elogi al defunto Lee, che per carità non era tanto democratico, ma ha compiuto miracoli economici, grazie alla sua diuturna lotta alla corruzione e alla difesa militante della meritocrazia, con costante promozione dei “giovani più capaci”.
Alla memoria di questo “alfiere del merito”, l’estensore dell’elogio invita i politici italiani a rendere omaggio.
Strana meritocrazia, quella dove il primo ministro di Singapore dal 1959 (Abravanel gli ha accorciato il mandato) al 1990, poi “ministro anziano” e “ministro mentore” fino ad oggi, non ha trovato nessuno che potesse governare senza di lui per oltre mezzo secolo: non li poteva lasciare soli, poveretti, chissà cosa avrebbero combinato.

Oggi il primo ministro è tale Lee Hsien Loong, da undici anni: che sia il figlio di Lee Kuan Yew dev’essere però una meritocratica coincidenza; quando si dice la fortuna, era il giovane più capace, e ce l’aveva in casa. Certe volte il destino, eh … Anche a Kim Il Sung capitò la stessa cosa: il figlio Kim Jong Il nacque imparato.

Singapore è nota per i buoni dati economici, abbastanza facili da ottenere in una città-stato concentrata sulla finanza, specialmente se la produzione può abusare di migliaia di lavoratori immigrati che non hanno diritti minimi; è anche nota per la pena capitale, le punizioni corporali, la censura, e la teoria ufficiale che troppa democrazia fa male all’economia e confligge coi sani “valori asiatici”. Abravanel è noto invece per certi libri sulla meritocrazia e sulla scuola: ma purtroppo dobbiamo bocciargli il compitino. Grazie, di quel merito lì non abbiamo bisogno.

Luca Cefisi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento