mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mit. Renzi assume l’interim e cerca l’uomo giusto
Pubblicato il 23-03-2015


Renzi e MattarellaDa oggi il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è ufficialmente passato nelle mani del presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi in seguito all’incontro con il capo dello Stato, Sergio Mattarella che gli ha affidato l’incarico provvisorio di guidare il dicastero. L’annuncio dell’interim che – come lo stesso Renzi ha promesso – durerà solo qualche giorno, è stato fatto per mezzo di una missiva letta alla Camera dalla vicepresidente Marina Sereni. Toccherà poi al successore di Maurizio Lupi – dimessosi venerdì scorso – assumere la direzione del Mit, e affrontare la delicata questione degli appalti e delle grandi opere. 

Le opzioni nella scelta sono due, una politica e una tecnica. Sul fronte politico l’intenzione di Renzi sembra essere quella di affidare il dicastero a un politico del suo entourage e, il favorito tra i nomi è quello di Graziano Delrio, attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio e fedelissimo di Renzi. Un altro papabile è il coordinatore nazionale del Nuovo CentroDestra, Gaetano Quagliariello – anche per bilanciare la presenza del partito dopo le dimissioni di Lupi – ma è lo stesso Quagliariello a tirarsi fuori dalla partita dichiarando: “No, non sarò ministro”. “Premesso – ha aggiunto – che in politica vale la regola per cui gli incarichi si derivano e non si strappano, sto facendo una cosa che mi interessa e che credo abbia un’utilità per il mio partito, quindi sono concentrato su questo”.

Sul fronte dell’opzione tecnica è verosimile che l’incarico venga affidato a Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità anti-corruzione, ma l’ex magistrato  sembra aver già declinato l’offerta. Un’altra idea – che ancora resta in piedi – è quella di dividere in due il Mit: da una parte le Infrastrutture, a guida politica con Delrio o Luca Lotti, sottosegretario con delega all’Editoria e altro fedelissimo di Renzi, e dall’altro i Trasporti, a guida tecnica con Mauro Moretti (ex a.d. di Ferrovie dello Stato e messo a capo di Finmeccanica da Renzi l’anno scorso, ndr) o Andrea Guerra, super-consulente ed ex a.d. di Luxottica.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento