lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Prescrizione, la dichiarazione di voto del Psi
Pubblicato il 24-03-2015


Prescrizione, la dichiarazione di voto del presidente dei deputati del Psi Marco Di Lello, martedì 24 marzo a Motecitorio

Volevo ritornare sull’istituto della prescrizione. Ci sono tomi di dottrina che da parecchi anni spiegano in maniera molto più esauriente di me quello che significa ragionevole durata dei processi e quelli che sono gli aspetti che vanno toccati dalla prescrizione: la possibilità di difendersi, l’utilità per lo Stato di perseguire un reato, la funzione emendativa della pena, ma sarebbe lungo e complicato, non ho la pretesa di dare lezioni, di cui pure qualcuno avrebbe bisogno.

Voglio rispondere al Ministro con assoluto garbo. Il Ministro allontana da sé il sospetto che questo sia il prezzo da pagare alla magistratura, alle polemiche che hanno accompagnato il varo della riforma sulla responsabilità civile dei magistrati; mi consentirà il Ministro di dubitare o almeno di avere qualche sospetto quantomeno sulla tempistica, perché è vero che quello del Governo è dello scorso agosto, ma lei sa bene che il provvedimento sulla responsabilità civile lo abbiamo approvato poche settimane fa, ed ecco che così, d’urgenza, arriva in quest’Aula il tema della prescrizione; ma è tanto urgente, Ministro, questo tema se i processi prescritti nel 2002 erano 209 mila e nel 2013 erano 123 mila ? Cioè se in poco più di due lustri abbiamo dimezzato i processi che vanno in prescrizione, mi spiegate qual era il motivo dell’urgenza ? Mi consentirà di avere qualche sospetto sulla tempistica ? E perché non affrontiamo in quest’Aula e in Commissione la riforma della custodia cautelare ? Perché non non imponiamo l’inizio del processo entro tre mesi dall’udienza preliminare o dell’appello entro tre mesi dal deposito dell’impugnativa ? Perché non sanzioniamo la mancata osservanza dei termini di deposito, perché non li rendiamo perentori ? Perché in Belgio i termini di prescrizione sono anche di sei e dodici mesi ma il processo dura quattro anni ? Ecco, sono domande a cui io vorrei avere una risposta. Com’è noto, in Cassazione si prescrivono lo 0,4 per cento dei processi però noi allunghiamo ulteriormente anche nel passaggio appello-prescrizione. Insomma, e concludo davvero, siamo secondo le statistiche al centocinquantasettesimo posto per la durata dei procedimenti e per l’inefficienza della giustizia, dietro Togo, Kosovo, Isole Comore, qui dentro c’è evidentemente chi ambisce a portarci all’ultimo posto.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento