sabato, 22 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Alberto Calle:
Una vergogna politica
Pubblicato il 17-03-2015


Ho appreso con tristezza ed amarezza la notizia del Senato della Repubblica. L’Italia si trova al 69° posto nella classifica dei Paesi con corruzione, corruzione che danneggia gli investimenti e rappresenta un cancro non solo per la società e per i cittadini, ma anche per gli stessi imprenditori. Il nostro Paese non può accettare un governo che non si impegni a lottare contro la corruzione, l’Italia deve migliorare l’immagine nella lotta alla corruzione, figuriamoci che la Spagna si colloca al 32° posto, vale a dire, che esiste meno corruzione in Spagna. Mi auguro che il Senato rifletta e pensi a un’Italia senza corrotti, si veda l’esempio della Danimarca e la Nuova Zelanda, che sono i due Paesi senza corruzione, secondo i dati internazionale, si collocano ai primi posti della classifica.

E’ una vergogna lo slittamento in Senato di due settimane fino al periodo 17 – 19 marzo, l’approdo in aula del disegno di legge sulla corruzione, il Governo e il Partito Democratico, dovranno spiegare al Popolo la modifica riformulata inviata alla Commissione Giustizia della Camera, che a quanto sembra, sarebbe la causa della spaccatura della maggioranza sulla legge corruzione, e mi chiedo, dov’è la parola del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, che diceva lotta alla corruzione?, dove sono le parole che si urlava all’interno del Partito Democratico chi è corrotto deve pagare? Speriamo che l’Italia non torni indietro, ma soprattutto, speriamo che la classe politica ne rifletta.

Alberto Calle

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento